Utente 142XXX
Buongiorno.
Ho 63 anni e da molti anni soffro spesso di extrasistole e ho anche avuto episodi di fibrillazione atriale parossistica rientrati dopo ricovero in ospedale.
Siccome soffro anche di colesterolo il dottore mi ha prescritto questi farmaci e integratori: Ritmonorm, esapent, aterostar,cinarepa e danacol

Allora le domande sono diverse e le sintetizzo:

- prendo il Ritmonorm per prevenzione alla fibrillazione, visto che in ospedale con questo la fibrillazione è sempre passata; ma allora perché se è un antiritmico non sembra avere nessun efficacia contro le extrasistole?

- quali possono essere gli effetti negativi dell'uso prolungato di Ritmonorm sull'organismo? Ho letto le controindicazioni sul "bugiardino" e visto che sono molti mesi che lo assumo non mi sento per niente tranquillo.

- non può essere che qualora si riverifichi un nuovo episodio di fibrillazione
l'organismo ci si sia assuefatto e perciò nel momento "vero" del bisogno tale farmaco non sia più efficace?

Per quanto riguarda l'extrasistole a volte mi dura diversi giorni, saltando un battito ogni due, o ogni quattro, per cui il conto è presto fatto: 20-30.000 extrasistole al giorno.
Il dottore mi ha consigliato di non stare sempre li a sentirmi il polso, perché questo può peggiorare la situazione, ma stare tranquillo conviverci come si può convivere con altri piccoli contrattempi che capitano nella vita di tutti i giorni.
Però per il lavoro che faccio (operatore e programmatore macchine utensili)devo sempre essere nel pieno delle mie facolta psicofosiche, e invece quando mi prendono le extrasistole le mie capacità: riflessi, attenzione, concentrazione,
cadono in "picchiata". Con le conseguenze facilmente prevedibili: errori a non finire di programmazione, con rischi gravi anche per la mia incolumità e di quelli che mi stanno attorno.

Sperando di non essermi dilungato eccessivamente aspetto fiducioso un suo consiglio.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in linea generale, la terapia antiaritmica può disporre di vari farmaci, tra cui il propafenone, principio attivo del rytmonorm, è tra quelli più sicuri, con meno effetti collaterali e presentando vari dosaggi permette al medico di avvalersi di più opzioni terapeutiche. Nel suo caso pertanto, sarebbe necessario effettivamente sapere il numero totale di extrasistoli per comprendere se il farmaco è sottodosato o meno oppure se lei abbia bisogno di una effettiva modifica terapeutica, ma tutto ciò non può che competere al collega che la sta seguendo, on line è impossibile darle indicazioni al merito.
Saluti