Utente 107XXX
salve mio nonno ha 76 anni ed è un cardiopatico prima di natale ha subito un intervento alle carotidi a causa di ostruzione .a gennaio ha subito un altro intervento però questa volta a causa di un aneurisma dell'aorta addominale di 7 cm.l'intervento è andato bene solo che è uscito dall'ospedale con un po di febbre .circa 2 sett dopo esser uscito dall'ospedale accusava problemi respiratori e debolezza e aveva ancora la febbre. l'abbiamo portato in ospedale e dopo varie analisi ci hanno detto che aveva un principio di polmonite una coleciste e dai valori enzimatici gli hanno anche detto che aveva avuto una piccola ischemia.è stato ricoverato ven 12/02 la prima notte l'ha passata bn e il 13/02 sembrava migliorare ma durante la notte tra il 13 e il 14/02 è peggiorato i medici ci hanno detto che la polmonite è diventata acuta e molto grave e che aveva una maggiore quantita di anitride carbonica e poco ossigeno.lo hanno trasferito in terapia intensiva nel reparto di cardiochilurgia e per non intubarlo gli hanno messo una maschera che gli forniva ossigeno a pressione e che gli aderiva molto in faccia senza far fuoriuscire l'aria.con questa maschera sembra essersi stabilizzato la notte tra il 14/02 e il 15/02 l'ha passata bene ...secondo voi riuscira ad uscirne e a guarire ?? grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
gentile utente, in sintesi suo nonno, cardiopatico, è stato operato di TEA carotidea e di aneurisma aortico addominale. Ha avuto una polmonite postoperatoria complicata da insufficienza respiratoria ipossiemica e ipercapnica (ovvero poco ossigeno e aumento CO2). Il trattamento consiste in terapia antibiotica e ventilazione non invasiva se necessario (CPAP, ovvero l'utilizzo di un casco ad alta pressione di ossigeno). Se si riesce in questo modo ad evitare l'intubazione ed il paziente clinicamente migliora, in genere la prognosi è buona. Sempre sperando che la sua cardiopatia (credo ischemica) non peggiori acutamente.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
si mio nonno ora sta effettuando questo trattamento cn maschera a pressione di ossigeno e sembra che i valori si stiano stabilizando.. mentre il problema della coleciste come potrebbe risolversi??spero non con un altra operazione...grz in anticipo...
[#3] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
non sempre la colecistite richiede l'intervento di asportazione della cistifellea. A volte, specie nei casi di colecistite alitiasica (senza calcoli), la terapia è antibiotica e anti-infiammatoria.
[#4] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
grazie 1000 ...distinti saluti