Utente 343XXX
Gentili dottori, ringraziandoVi anticipatamente per la vostra disponibilità vado ad esporvi il mio problema.

Ho 33 anni e da molto tempo, la mia fase di erezione corrisponde ad una copiosa perdita di liquido seminale. La cosa è iniziata 7/8 anni fa ma essendo io stato per molto tempo con la stessa ragazza la quale usava la pillola anticoncezionale, non mi sono mai posto particolari problemi. Durante rapporti successivi mi sono sempre premunito a mezzo profilattico onde evitare problemi di qualsiasi tipo ma adesso sto vivendo un rapporto con una ragazza che non usa e non vuole usare la pillola. Io non posso usare per sempre il profilattico e anche se così fosse c'è sempre un rischio rottura da valutare. Pensate che il mio medico curante mi ha prospettato persino come ipotesi una eiaculazione precoce, ma non è assolutamente così in quanto riesco a gestirmi molto bene da questo punto di vista. Il fatto, molto più semplicemente è che ad ogni eccitazione e conseguente erezione inizio a perdere liquido seminale e non in modica quantità.
Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro signore,
può essere che lei soffra di una forma di prostatite , e che quelle siano delle secrezioni prostatiche , per tanto le consiglio una visita specialistica urologica
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Concordo con il collega.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Ciò che riferisce è contemplato tra i classici sintomi di una infezione prostato-vescicolare con consegunte infiamamzione dell'apparato.
Il mio consiglio è di regolarizzare le sue abitudini sessuali, alimentari e comportamentali e nel frattempo consultare un urologo per la conferma diagnostica ed un eventuale terapia.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi che, dopo 7-8 anni, è giunto finalmente il momento di sottoporsi ad una vista Andrologica! :o)
Tenga presente che, entro certi limiti, questo fenomeno è abbastanza comune e non necessariamente deve essere sempre considerato come una spia di processi flogistici a carico delle ghiandole annesse all'apparato riproduttivo. Ne sono ancor più convinto vista la durata del segno clinico e l'assenza di altri segni o sintomi collaterali.
Mi piacerebbe consocere l'esito della visita.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2007
Innanzi tutto Vi ringrazio per gli interventi che, in tutta franchezza, mi sembrano non eccessivamente allarmanti, questo mi solleva non poco.
Vorrei soltanto aggiungere che conduco una vita abbastanza sana, con sport ed una dieta sempre equilibrata, non faccio uso si sontanze dannose per l'organismo e cerco di volermi bene. In effetti dopo tutto questo tempo è forse meglio fare un controllo e mi stavo chiedendo se a vostro avviso io necessiti più di un medico urologo o di un andrologo.
Scriverò sicuramente quanto emergerà dalla visita anche per sapere le vostre opinioni al riguardo.

Rinnovo nuovamente i miei ringraziamenti ed i più cordiali saluti.