Utente 149XXX
Salve, vi scrivo xchè ho la febbre (max 37,5) tutti i giorni da più di 2 mesi. In seguito a episodi di emicrania con aurea (da Ottobre) ed a una paresi facciale (fine Novembre) ho eseguito accertamenti cardiologici (ho solo un lieve shunt dx-sn) e neurologici (gli esami obiettivi sono sempre stati negativi, l'elettroencefalogramma negativo,i potenziali evocati trigeminali negativi, le RM con mdc all'encefalo e al collo mostrano delle microgliosi aspecifiche la prima e una lieve protusione C4-C5 con impronta liquorale e rettilinearizzazione la seconda). Dopo la prima emicrania avevo solamente una fastidiosa lacrimazione notturna e gli occhi sempre rossi. Dalla paresi ho acufeni persistenti, la pesantezza alla faccia migliora e peggiora nei giorni.Prima di Natale ho avuto dolori al collo e il collo bloccato per 7 giorni,ora residua una rigidità. Da Natale sono stanca, ho avuto cefalee, dolori vari(la parte dx è la più colpita), brividi, sudore notturno e una febbricola persistente. L'oculista rileva solo secchezza oculare, gli esami della tiroide sono nella norma, l'ecografia rileva un nodulo su cui fare il citoaspirato. Un neurologo ritiene dovrei cominciare la cura per la prevenzione dell'emicrania, l'altro ritiene utile un consulto immunologico. A tutt'oggi ho febbricola, sudori notturni, stanchezza, l'orecchio dx come otturato, dolori (sopratutto la gamba dx e il collo) e brividi. Ho effettuato diverse analisi che vi riporto in parte: ANALISI-16 Dicembre: VES (21mm- fino a 15), PROTEINA C REATTIVA (2,1-fino a 5), IMMUNOFISSAZIONE SIERICA(assenza di componenti monoclonali)-15 Gennaio: anticorpi anti cardiolipina IgG 3 U/ml (inferiore a 12); IgM 3 U/ml (inferiore a 7); omocisteina 10,9 umol/l (5-15); resistenza PCa (ratio norm) 1,08 (0,76-5); tempo di protrombina 12,7 secondi; %71 (70-125); INR 1,18 (0,8-1,2); APTT 32,2 secondi (20-39); fattore V leiden 122,9% (70-140). 27 Gennaio: VES 10mm (0-9);Rame 121 gamma/dl (80-155); ELETTROFORESI PROTEICA: normale tranne gamma-globuline 19,1% (11,1-18,8) a novembre erano 19,8%; AUTOANTICORPI: ANA negativo ; anti ENA: SSA/ro 6 U/ml (inferiore a 25); SSA/la 1 U/ml (inferiore a 25); Sm 2 U/ml (inferiore a 25); RNP U/ml (inferiore a 25). 15 Febbraio: LAC: ICA(test alla silice) 0,1 (0-15); TTI index(trombopl. 2%) 1,01 (0-1,25); Tempo di coagulazione da dRVV 35.50 secondi (20-36); ANCA: pANCA(MPO) 0,6 (<5); cANCA(PR3) 2,9 (<5); C3 110 (90-180),C4 21 (10-40), beta2-microglobuline 1,32 (0,7-1,80); anticorpi antitoxoplasma: IgG minore di 4 (sensibilità del test maggiore delle 4 unità); IgM negativo; anticorpi citomegalovirus: IgG 11000 (Valore di IgG significativo >230); IgM negativo; anticorpi epstein barr virus: IgG anti VCA >170 (Valore significativo >20); IgM anti VCA negativo; IgG anti EBNA >200. Sono in attesa del controllo reumatologico (rx torace ed eco addome completo negativi), non vi chiedo una diagnosi ma se pensate che sia stato trascurato qualcosa, che sono sulla strada giusta, con gratitudine
[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Come si vede dalle analisi, vi è una positività Igg per il citomegalovirus, meno EB. Tenga presente che, nonostante la negativizzazione delle IgM( anticorpi che compaiono nelle fasi iniziali di un'infezione e che non sono più dosabili dopo qualche tempo, con comparsa di IgG in seguito),alcuni sintomi, compresa la febbricola e senso di stanchezza, possono perdurare anche per qualche mese ( un pò più rari i sintomi neurologici ). Altri sintomi, sono da ascrivere alla presenza di protusioni a livello cervicale e all'atteggiamento rigido di questo tratto di colonna vertebrale.esegua anche una tipizzazione linfocitaria e se persiste rigidità anche una EMG.
Rimango a sua disposizione.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto per la sua cortese risposta, già di persona è difficile ottenere delle indicazioni e apprezzo il suo gesto. Proverò a chiedere al mio medico di base per la tipizzazione linfocitaria, a cosa serve? Il collo sta meglio anche se l'ansia lo irrigidisce a volte. Ancora grazie Dr.Pascucci, le comunicherò eventuali sviluppi,
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, la tipizzazione delle sottopopolazioni linfocitarie è utile nel determinare il tipo di linfociti presenti ed il loro rapporto: linfociti( B , T helper, suppresssor ...) che rappresentano cellule immuno competenti con diverse funzioni. In alcune patologie di tipo autoimmune aumentano alcuni, nelle infezioni virali altri etc etc. Naturalmente è solo un altro tassello e molte volte di non certa interpretazione.Comunque gli ANA, ENA etc sono negativi, quindi, si potrebbe escludere una patologia autoimmune.Gli indici di "flogosi" aspecifici PCR, VES.. sono nella norma ed esluderebbero un "fatto acuto" di tipo "infiammatorio". L'unico dato, ripeto, è la presenza di protusioni e la positività sierologica a quei virus anche significativa.Probabilemnte le gioverà fare della fisioterapia per il problema alla "cervicale" che andrà comunque valutato da un neurochirurgo ( eventualmente). Talvolta una buona supplementazione di vit B e D può aiutare riducendo alcuni sintomi come stanchezza, febbricola etc. Con le limitazioni di tale mezzo di comunicazione non le posso dire altro se non di rivolgersi al suo medico curante per un uletriore inquadramento complessivo dei sintomi e dei problemi che lei accusa.Rimango a sua disposizione, sperando di averle dato delle risposte utili alle sue domande.
Cordiali saluti.