Login | Registrati | Recupera password
0/0

Colecistectomia polipo colesterinico

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2010

    Colecistectomia polipo colesterinico

    egregio dottore,
    a fine dicembre 2009 mi sono sottoposto ad una ecografia addome a causa di dolori che cominciavano ad essere persistenti all'aletezza del fegato. risultato eco: "la colecisti presenta diffuso ispessimento colesterolosico delle pareti, formazione iperecogena di circa 4,6 mm compatibile con polipo colesterolosico. non risulta apprezzabile litiasi".
    orbene, mi sono recato con la detta ecografia presso due primari di chirurgia della mia zona, il primo (ospedale pubblico) mi ha detto di monitorare il polipo e che in caso di crescita nell'arco di 6 mesi si poteva pensare ad un intervento, ad oggi con quelle dimensioni no. afferma il primario che: "non si sacrifica una cistifellea per un polipo di 4,6 mm." il secondo (clinica privata) dopo uno sbrigativo sguardo all'eco mi ha detto che devo asportare la colecisti a titolo precauzionale, tanto dice "prima o poi dovrà toglierla e poi per noi è questa la prassi".
    LE chiedo, che devo fare? mi tolgo il pensiero subito? se aspetto e nel giro di 6-12 mesi raddoppia rischio che sia troppo tardi? forse non crescerà mai e potrò conviverci a vita? con una cura di Ursacol posso limitare il problema?chiedo, se possibile, un'opinione esaustiva, anche perchè nelle faq ho notato che le risposte sono sempre abbastanza succinte, grazie.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 372 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia vascolare e angiologia

    Perfezionato in:
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso
    Colonproctologia
    Chirurgia dell'apparato digerente

    Risponde dal
    2008
    gentile utente,

    mi piace che lei si trovi in questa situazione.

    il fatto che uno specialista lavorasse in pubblico e l'altro in privato non deve far pensare che i loro consigli fossero dettati dalla situazione lavorativa.

    purtroppo è la sua patologia che si presta a diversi, corretti atteggiamenti.

    di solito il limite di 5-6mm è quello da tutti accettato per proporre l'intervento di colecistectomia, necessariamente eseguita per via laparoscopica.

    la sua proposta di un periodo di terapia medica potrebbe essere il giusto compromesso.

    la cosa importante è che lei si sottoponga ad esame ecografico dallo stesso medico che ha eseguito il primo esame. questo esame è molto "mano" dipendente e cioè è importante chi lo esege, un pò come la chirurgia.

    mi tenga informato

    cordiali saluti




    Marco Catani http://www.marcocatani.it
    il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale


Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 29/04/2010, 12:24
  2. Chirurgia toracica
    in Chirurgia toracica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06/09/2009, 22:48
  3. Sospetto pectus excavatum
    in Chirurgia toracica
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08/09/2011, 00:42
  4. Senza respiro dopo una caduta.
    in Chirurgia toracica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24/12/2012, 08:52
  5. 4 Capezzoli
    in Chirurgia toracica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17/06/2013, 10:43
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,08        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896