Utente 370XXX
Buongiorno a voi medici, sono un ragazzo di 18 anni e da tre anni nell'atto della defecazione inserisco nell'ano due dita o piu e spingo fino allo stremo, finchè le feci sono totalmente uscite e non esce altro che aquetta...tipo muco....ma liquido...e continuo a spingere x che ne provo un grande piacere, malgrado la mia etrosessualità!! il problema è che l'altro ieri nella parte esterna delle feci e iniziale (quella piu dura e scura)ho trovato delle tracce di sangue rosso un po' sullo scuretto, (erano 2 giorni che non andavo di corpo) mentre ieri le tracce erano diminuite ma erano piu' sulla parte centrale...dove era piu molle...sono preoccupato possa essere qualcosa di serio, cosa ne pensate? puo'essere dovuto alla masturbazione anale? possono essere emorroidi interne? le emorroidi interne fanno male? vi prego di rispondermi, grazie in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Attilio Nicastro
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
penso che la sua manipolazione sia importante e comporterà nel tempo patologie anali funzionali anche importanti. La masturbazione anale può essere una pratica molto meno traumatica di quella che lei pratica durante la defecazione. Il sangue presente durante la defecazione può essere direttamente correlato ai traumatismi "estremi" che lei mette in atto durante la defecazione.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it
[#2] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2007
la ringrazio delle confortevoli parole, quindi lei escluderebbe la possibilità di qualcosa di brutto?! e quali patologie potrebbe causare questa pratica?! la ringrazio, cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Attilio Nicastro
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
il continuo traumatismo degli sfinteri anali potrebbe causare a lungo andare un deficit funzionale degli stessi e quindi evuidenziare una incontinenza fecale. A parte questa prima ipotesi, anche l'isorgenza della ragade anale o di emorroidi sono probabili patologie che possono insorgere mettendo sotto "stress" il canale ano-rettale.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it
[#4] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2007
scusi il mio continuo assillarla...ma in poche parole, puo' essere un tumore o no?!
caspita....ho 18 anni....!! comunque dopo aver smesso da qualche giorno la patica un giorno le feci avevano del sangue coagulato sulla parte dura, il giorno dopo nulla sulla parte dura ma una traccia di fresco, colorito piu chiaro, sulla parte piu molle, poi un giorno non ho defecato, e oggi invece sangue scuro nella parte iniziale e una micro traccia in quella finale, dico finale perchè poi non volevo spingere e allora ho ritenuto quell'altro po' che ci poteva essere...santo cielo sono preoccupato...!! attendo sue risposte, grazie!!ah, dimenticavo, un giorno invece, nessuna traccia, ero sollevato, ma oggi invece ancora tracce...non so piu che pensare!!
[#5] dopo  
Dr. Attilio Nicastro
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
credo che sia stato chiaro nelle risposte e se lei vuole sapere se ha un tumore o meno per via telematica, mi creda neanche il mago Otelma (con tutto il rispetto di chi crede nel personaggio) avrebbe il coraggio di risponderle. Ho cercato di darle alcune spiegazioni logiche sulla presenza del sangue e sulla pericolosità delle sue manovre. Però alla domanda diretta se lei ha un tumore o meno e se questa risposta deve essere data in manioera diretta, senza una visita senza "guardare in faccia e negli occhi" il paziente, ebbene questo è impossibile. Potrei dirle che in base a quanto lei ha scritto e per la sua giovane età, "probabilmente" l'origine del suo sanguinamento ha la provenienza già descritta, se lei vuole la "sicurezza" della diagnosi deve sottoporsi ad una visita proctologica con videoproctoscopia digitale.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it