Utente 715XXX
Gentilissimi,
ho 39 anni e nel giugno 2009 subito dopo un parto prematuro al settimo mese alle dimissioni mi è stato detto di effettuare una visita nefrologica visto che avevo i reni compromessi. A parte questo, avendo avuto un emorragia, avevo i globuli rossi a 2 milioni. Siccome il piccolo, nato di un kg e 100, è stato ricoverato in terapia intensiva, mi sono limitata a fare delle analisi dove la CREATININA aveva un valore di 1,84 e poi mi sono dedicata completamente al piccolo e purtroppo non ho più fatto accertamenti.
Ora a quasi un anno ho ripetuto le analisi dove la CREATININA ha un valore di 1,82, quindi quasi uguale all'anno scorso.
Effettuo una visita nefrologica, nella quale il dottore, dopo aver visto le analisi, CREATININA 2,05 - CLEARANCE 45,30 e fatta una ecografia mi comunica che ho una NEFROPATIA CRONICA e mi rimanda al giorno dopo per segnarmi la cura e intanto mi dice di eliminare il sale e di portare tutte le analisi a mia disposizione, anche vecchie di anni.
L'indomani, dopo che ha notato che la CREATININA è aumentata solo durante la gravidanza, mentre prima era nella norma, mi chiede di fare un altra ecografia per vedere se i reni sono abbastanza grandi per poter fare una biopsia, e non mi segna alcuna cura.
Faccio l'ecografia e il dottore scrive che:
RENI DI DIMENSIONI NEI LIMITI INFERIORI DELLA NORMA.
RENE DESTRO: 10.0 x 4,6 CM
RENE SINISTRO: 9,6 x 4,7
CONTORNI REGOLARI, PARENCHIMA DI SPESSORE LIEVEMENTE RIDOTTO ED ECOGENEITA' LIEVEMENTE ACCENTUATA.
A LIVELLO DEL TERZO SUPERIORE DEL RENE, MEDIALMENTE, E' PRESENTE UNA IMMAGINE NODULARE, DI 2,6 x 1,8 x 2,2 CM, LIEVEMENTE IPOECOGENA AL PARENCHIMA CIRCOSTANTE.
A questo punto mi manda da un altro ecografo per vedere se con l'altra macchina vede meglio e quest'ultimo mi dice che è una cisti complessa e che bisogna una TAC.

Al momento non ho altre informazioni, sintomi nulli.
La mia domanda è posso fare il mezzo di contrasto con la CREATININA alta, e poi può essere effettivamente NEFROPATIA CRONICA.
E questa cisti cosa può essere? Può influire sulla funzione del rene?
Grazie per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Cara Signora,

si tratta indubitabilmente di una nefropatia cronica con riduzione della funzione renale complessiva. Svariate patologie renali possono produrre un quadro di questo tipo, motivo per cui le è stata proposta la biopsia renale. Questo esame infatti potrebbe chiarire la causa della nefropatia.

Il fatto che lei ci dica che la nefropatia è comparsa durante la gravidanza è significativo. Sarebbe utile ad esempio sapere quale è stata l'evoluzione della gravidanza che ha portato ad un parto pretermine: è comparsa ipertensione arteriosa? proteinuria?
Tenga inoltre presente che la creatinina potrebbe essere stata normale prima della gravidanza, ma sarebbe già potuta essere presente un nefropatia cronica in uno stadio molto precoce, che si esprimeva solo con alterazioni dell'esame delle urine (che andrebbero quindi egualmente valutati).

Per quanto concerne la cisti, un'immagine di quel tipo in una persona giovane come lei deve essere valutata mediante TC con mezzo di contrasto. Giustamente lei sa che il mezzo di contrasto potrebbe far peggiorare lievemente la funzione renale; ma di solito ciò avviene di rado in situazioni simili alla sua (più spesso quando il contrasto viene usato per iniezione arteriosa a volumi elevati). Di norma viene eseguita una profilassi per scongiurare questa possibilità. Valuti con il suo nefrologo il rapporto costo/beneficio di una tale procedura.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 715XXX

Iscritto dal 2008
grazie per la tempestiva risposta e scusatemi se non ho scritto prima.
stamattina sono andata a fare il prelievo e l'ecocardiogramma in vista della tac con mezzo di contrasto che probabilmente mi faranno inizio settimana.
mi hanno detto che mi faranno prima una flebo di 2 litri per idratare e poi la flebo del contrasto.
stamattina ho ritirato il referto dell'ultima ecografia che è questo: "Reni in sede, di forma e dimensioni regolari, senza segni di litiasi o di stasi urinaria. Nel polo superiore del rene sinistro è presente una formazione ovoidale ipoecogena di circa 24 mm di diametro maggiore, non vascolarizzata, che rende indispensabile un approfondimento diagnostico con tac a mezzo di contrasto sono sussistono controindicazioni all'esecuzione dell'esame (cisti complessa? nodulo?)."
vorrei chiedere parere su questo referto.
in attesa di vostra risposta porgo distinti saluti.
[#3] dopo  
Utente 715XXX

Iscritto dal 2008
dimenticavo di rispondere alle sue domande:
durante la gravidanza è stata riscontrata la pressione alta che però è stata curata solo per breve periodo visto il parto prematuro.
ho continuato a prendere l'adalat per un mese dopo il parto fino a quando si stabilizzata.
le analisi delle urine durante la gravidanza risultano perfette anche se non ho trovato il valore che lei mi chiede.
grazie di nuovo
[#4] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Sul referto dell'ecografia nulla si può aggiungere se non che pare indicato eseguire la TC che è già stata consigliata e programmata, e che giustamente verrà preceduta da profilassi per la nefropatia da contrasto.

Circa l'evoluzione della gravidanza si può dire poco; pare fosse assente la proteinuria (o albuminuria) all'esame urine. Bisognerebbe procedere ad una anamnesi accurata per capire meglio l'evoluzione del problema, ma via internet non è possibile.

Ci aggiorni, se le va.
Un saluto
[#5] dopo  
Utente 715XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimi dottori,
vi aggiorno sulla mia situazione.
In data 30 giugno 2010 sono stata sottoposta a tac con mezzo di contrasto per valutare la cisti che mi era stata trovata con le due ecografie ed essendo stata ricoverata per sottopormi alla tac questo è ciò che mi hanno scritto alle dimissioni.
"La paziente è affetta da insufficienza renale cronica moderata, stadio III, verosimilmente secondaria a nefroangiosclerosi. In corso gli esami immunologici sulla base dei quali si deciderà se sottoporre la paziente ad agobiopsia renale."
La tac non ha confermato la presenza della lesione renale evidenziata all'ecografia ma calcolosi della colecisti.

Vorrei avere un vostro parere.
Grazie
[#6] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Cara Signora,

non comprendo se la cisti renale non sia visibile alla TC o se sia confermato che si tratta di una cisti semplice e quindi di nessun significato patologico.

A parte ciò, le posso dire che la nefrangiosclerosi è la patologia renale dovuta all'ipertensione. La diagnosi di certezza di una nefropatia richiede la biopsia renale, ma è indispensabile una correlazione ai dati clinici attuali e anamnestici che di cui qui si dispone solo in parte.

Attendiamo quindi il risultato degli esami immunologici che potrebbero indirizzare verso una qualche possibile ipotesi diagnostica circa la nefropatia.
[#7] dopo  
Utente 715XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno, per quanto riguarda la cisti non è stata proprio trovata.

MI sono stati dati i risultati di una parte degli esami immunologici:
ANA : negativo
ENA : negativo

rheumatoid factor screen 44,10 v.n. (0-25)
rheumatoid factor igg 30.20 v.n. (0-20)
rheumatoid factor igm 34,20 v.m. (0-20)

fattore reumatoide 14,80 v.n. (0-15)

immunoglobine igg 12,30 v.n. (7-16)
immunoglobine iga 2,31 v.n. (0,8-4)
immunoglobine igm 1,29 v.n. (0,3-2,2)

Secondo voi, alla vista di questi esami, cosa potrebbe essere e poi sarà necessaria la biopsia del rene.

Vi ringrazio per la celerità delle risposte e la cortesia.
[#8] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Questi esami non aggiungono nè tolgono nulla alla sostanza delle cose, a mio parere. Certo, può essere escluso un lupus eritematoso sistemico; ma la maggior parte delle nefropatie primitive non possono essere diagnosticate se non con la biopsia renale.

Ritengo che la decisione di fare la biopsia renale non possa prescindere, come ho già detto più volte, da una ricostruzione anamnestica minuziosa, oltre che da una serie di considerazioni che necessitano comunque di un'interazione diretta tra lei ed il nefrologo.