Utente
Salve,
sono una ragazza di 36 anni e ho iniziato il percorso prenatale che prevede
la transulcenza nucale con bio test come primo passo.
Vorrei chiedere dei chiarimenti.
Mi hanno detto che il risultato della translucenza nucale e' una percentuale di rischio. e fin qui mi e' chiaro.
Mi hanno anche detto che il risultato della translucenza nucale ha un attendibilita' dell'82% che diventa 90% col bio test. e qui cominciano le cose che non mi sono chiare.
Cosa significa un'attendibilita' dell'90%?
Per fare un esempio: se ad una persona le forniscono un risultato della translucenza nucale con una probabilita' di 1/1000, significa che c'e' una probabilita' su 1000 che vi sia un'anomalia cromosomica oppure significa che c'e' un 90% di possibilita' (dato che questa e' l'attendibilita' dell'esame) che la probabilita' di anomalia cromosomica sia 1 su 1000?
e se fosse quest'ultimo caso, cosa significherebbe il restante 10%? che la translucenza nucale ha fornito una probabilita' completamente sballata?
Spero di essermi espressa bene.
Grazie in anticipo.
Salve.

[#1]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Il duo test identifica il 90% dei feti affetti dalla sindrome di down.
Probabilità uno su 1000 significa che è come avere un sacchetto con 1000 palline, tutte bianche e una nera, pescando a caso è molto più probabile trovare la bianca che la nera.
La invito a consultare il mio sito per ulteriori informazioni su screening e diagnosi invasiva.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio intanto per la pronta risposta.
Pero' continua a non essermi chiaro come si coniuga l'attendibilita' del test con il risultato che da' una probabilita'. Se il risultato e' gia' una probabilita' non capisco cosa significa l'attendibilita' del risultato al 90%.
Cioe' mi e' ben chiaro il concetto che se il risultato e' 1/1000 significa che ce' una probabilita' su 1000 che il feto abbia anomalie cromosomiche. Cio' che non mi e' chiaro e' come si coniuga questa probabilita' di 1/1000 con il fatto che il test ha un'attendibilita' del 90%.
Vediamo se riesco a spiegarmi meglio:
a me sembra di capire che se il risultato del test per una persona e' 1/1000 allora questa persona ha una probabilita' su 1000 che il feto abbia un'ananomalia cromosomica ma solo se rientra nel 90% dei casi di attendibilita' del test.
Cosa significa se il risultato una rientra nel 10% dei casi in cui il test non e' attendibile? significa che in realta' il risultato ottenuto di 1/1000 non e' effettivamente vero ma potrebbe essere l'1/100 o l'1/10000?
se questo fosse il caso significherebbe che una persona ha 10 possibilita' su 100 che il risultato probabilistico fornito dal test (cioe' 1/1000) sia sbagliato.
Non so se sono riuscita a spiegarmi stavolta.
Grazie in anticipo.

[#3]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Si distinguono due casi:

1) non si parla di attendibilità, ma di sensibilità del test, cioè il test identifica il 90% dei feti affetti da sindrome di down. Se prendiamo un gruppo di 100 gestanti con feto affetto da s Down, 90 saranno identificate dal test, 10 sfuggono, quindi è un concetto relativo al gruppo che esegue l'esame.

2) a lei però non interessa il gruppo, ma la sua probabilità specifica ed individuale. Uno su 1000 ad esempio. E' più probabile pescare una delle 999 palline bianche, ma nel sacco c'è anche la nera. Se pesca la nera, allora siamo nel 10% che sfugge al test, quindi uno su 1000 è il concetto individuale e specifico del risultato del suo test. Questo non vuol dire che il test sia valido al 90%, è un concetto completamente diverso.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#4] dopo  
Utente
Ah grazie. Io temevo che l'attendibilita' del test volesse dire che ci sono solo il 90% dell probabilita' che la probabilita' di 1/1000 fornita dal test fosse attendibile.
Ok grazie.adesso mi e' chiaro.

Vedo che e' di careggi.dato che abito a firenze ne approfitto per fargli una domanda.
Il centro di diagnosi prenatale di careggi si trova al presidio ospedaliero Palagi oppure si trova a careggi e careggi e palagi hanno 2 centri diversi con personale diverso?

[#5]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Sono due centri diversi, a firenze abbiamo 3 diagnosi prenatali:
1) diagnosi prenatale di careggi (centro di terzo livello, centro regionale di riferimento per le anomalie congenite e le gravidanze gemellari, dove lavoro io, vedi anche il mio sito)
2) IOT Palagi (ecografia del territorio ed ecografia di secondo livello)
3) Diagnosi Prenatale Ospedale Meyer, che forma un centro unico detto "di alta complessità ostetrica" con noi di careggi.

Per fare una battuta, a firenze ci sono più ecografisti che gatti !!! :)
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta.
Il cup mi ha assegnato al Palagi. E quindi la translucenza nucale la faro' li'.
Per la amniocentesi invece ancora non sono sicura di dove la faro'. Mi piacerebbe chiederle un parere sui 3 centri per orientarmi sulla scelta. Cioe' quale sia il migliore per questo tipo di esame. Ma non so se si sbilancera' su questo. Comunque sia la ringrazio molto per la spiegazione e per tutte le informazioni.

[#7]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Siamo tutti centri egualmente validi :)
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#8] dopo  
Utente
Ok. La ringrazio molto.