Utente 167XXX
esitono dei sintomi che riescono ad anticipare di qualche giorno l'avvento di un infarto?l'analisi degli enzimi regolare serve a capire che non si ha un infarto in corso oppure che nel complesso il cuore sta bene?è ppossibile avere sintomi da infarto per una 20 di giorni o tali sintomi sicuramente sono dovuti da altri fattori tipo stress ed ansia?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
A volte l'infarto puo' essere preceduto da dolori toracici che in genere arrivano dopo sforzi (anche la digestione) oppure al freddo simili a quelli dell'infarto vero e proprio, che tuttavia, in gener,e sono piu' brevi Gli enzimi si alterano solo in presenza di "morte " di cellule miocardiche, ma la loro negatività non è predittiva di assenza di malattia coronarica. Difficile, ma non escluso che i sintomi possano protrarsi anche per una ventina di giorni consecutivi.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
Per onor del vero dopo essermi recato presso un presidio ospedaliero a causa di dolori al torace e dopo che il tracciato è uscito ischemico, dall'analisi degli enzimi non è stata riscontrata nessuna irregolarità.dopodichè in ospedale sono stato mandato a fare una visita dal cardiologo il quale dopo una ecocardiografia mi conferma che sto bene.Purtroppo passati oltre 10 giorni da questo episodio ho ancora dolori al torace ed a volte in seguito a degli sforzi lievi mi capita di avere una sudorazione fredda e la senzasione di stanchezza immediata con volontà di voler dormire, ma non tutti, anzi gli sforzi maggiori tipo salire borse fino ad un quarto piano di un palazzo non mi hanno provocato nessun tipo di malore o acutizzarsi di altri. Visto che sono una persona abbastanza anziosa e facilmente condizionabile, è possibile che la mia reazione a questo stato patologico possa in qualche modo condizionare i sintomi replicando quelli di un infarto?mi spiego meglio dopo l'analisi di un cardiologo è possibile che possa essere realemnte fuori pericolo e che questi sintomi non sono dovuti ad uno stato patologico del cuore?Inoltre un traccciato può essere ischemico senza che vi possa esere qualche forma di patologia al cuore e cosa può far uscire un tracciato ischemico?
In attesa di un suo riscontro colgo l'occasione per porle i miei più cordiali saluti