Utente 106XXX
Il 16 agosto mi sono recato dal mio medico di base dopo aver notato un forte arrossamento agli occhi (specialmente a quello sinistro). Il medico mi ha diagnosticato una congiuntivite e mi ha prescritto tobradex collirio, una goccia per occhio tre volte al giorno per cinque giorni. Al terzo giorno l'arrossamento era già sparito, ma ho proseguito la cura fino al quinto giorno. Una settimana dopo la fine della cura, si è arrossato l'occhio destro. Tornato dal medico di base, mi ha detto che secondo lui è una recidiva, e mi ha detto di continuare ad applicare tobradex per una settimana...ed eventualmente tornare da lui per prenotare una visita specialistica se il problema non si fosse ancora risolto.
Ora, sono al quarto giorno di cura...ma, al di là della mia perplessità nel riprescrivere il tobradex (se è una recidiva, l'infezione dovrebbe avere sviluppato una resistenza all'antibiotico, giusto?), quello che mi preoccupa è che avverto un certo dolore all'occhio destro. Anche mentre applico il farmaco. E' verosimile pensare ad un'alterazione della pressione dell'occhio? E' il caso di portare a termine il trattamento o conviene prenotare subito una visita specialistica?
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, conviene fare una visita oculistica per stabilire il tipo di congiuntivite e prescrivere idonea terapia, al di la di questo, nel frattempo può continuare per qualche giorno il collirio prescritto, non è proprio così che funziona l'antibiotico-resistenza stia tranquillo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la sua gentile risposta. Effettuerò una visita oculistica, anche se attualmente il servizio pubblico nella mia città non ha disponibilità prima di giugno 2011!
[#3] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
In seguito a visita specialistica è stata esclusa la congiuntivite, e diagnosticata invece una forma di irritazione dovuta ad una lacrimazione scarsa e densa. Mi sono state prescritte delle lacrime artificiali da mettere diverse volte al giorno, e la cosa sembra funzionare.
Il problema è che mi è entrato un ciglio nell'occhio, e mi chiedo se la mia attuale lacrimazione renderà possibile l'espulsione automatica del ciglio. O è il caso di fare una telefonata al mio oculista?
[#4] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Non credo sia necessario, lavi abbondantemente con lacrime artificiali dovrebbe bastare.
cordialità
[#5] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio dott. Rotondo, il suo consiglio ha funzionato perfettamente, ed era anche intuibile a pensarci bene!
Oggi ho iniziato, su consiglio dello specialista, a mettere un collirio a base di cortisone, a basso dosaggio, su entrambi gli occhi perché i miglioramenti avuti con le lacrime artificiali sono stati inferiori alle aspettative (anche se ci sono indubbiamente stati). Quello che però succede è che gli occhi si arrossano molto facilmente quando sto davanti allo schermo di un computer, anche se per solo un'ora. Devo fare astinenza totale dal computer? Ci sono precauzioni da prendere per evitare l'arrossamento?
[#6] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
No, nessuna precauzione particolare, segua la terapia prescritta e magari al prossimo controllo chieda un esame approfondito della refrazione, spesso piccoli difetti visivi possono provocare arrossamenti e disconfort durante l'applicazione ai videoterminali.

cordialmente
[#7] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
Non ero mai stato da un oculista prima di questo problema, per cui ho richiesto una visita completa dalla quale è risultato che al naturale ho 12/10 all'occhio destro (con miopia 0.25) e 11/10 all'occhio sinistro. Nella mia ignoranza non so se la cosa ha a che fare con la refrazione, o se avere decimi in eccesso mi possa causare problemi di qualche tipo oltre ad avere una vista molto precisa anche per quanto riguarda gli oggetti in lontananza. Proprio per questo le vorrei chiedere di chiarirmi gentilmente questo punto.
A livello di diagnosi, ho visto che il medico si è preso un appunto sul foglio che mi ha dato. Ha scritto "blefarite, meibomite e dislacrimia". Ho fornito queste indicazioni solo ora perché mi sono accorto solo oggi degli appunti che il medico aveva lasciato scritti (durante la visita ha solo parlato dei sintomi e descritto la terapia, ma senza pronunciare i nomi delle malattie diagnosticate).
Si tratta di problemi risolvibili o permanenti? E riguardo ai videoterminali è più opportuno fare astinenza o usarli normalmente ora che sono nella fase acuta del problema?
[#8] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buonasera, l'esame della refrazione è quello che ha fatto (misurazione della vista).
La blefarite è una irritazione dei bordi delle palbebre ed immagino che le sia stata prescritta una terapia, la dislacrimia è una alterazione della secrezione lacrimale, probabilmente è tutto connesso ed è la causa dei suoi disturbi, niente di grave, nessun problema per i videoterminali.
cordialmente
[#9] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
Sì è stata prescritta una terapia, che ha migliorato la situazione anche se non l'ha risolta. Lunedì avrò una visita di controllo, durante la quale il mio oculista valuterà se è il caso di rivedere la terapia o se continuare su questa strada.
Colgo l'occasione per ringraziarla per le sue risposte, e per fare a lei e a tutti i medici attivi in questo sito i miei complimenti per l'eccellente servizio che svolgete.
[#10] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
A livello di pressione dell'occhio, volevo chiederle un'informazione.
Ho effettuato una cura di 15 giorni (17-31 ottobre) mettendo una goccia per occhio due volte al giorno di un prodotto che contiene fluorometolone acetato. Successivamente ho messo per una settimana (9-15 novembre) due gocce per occhio tre volte al giorno di un prodotto contenentebetametasone/sulfacetamide/tetrizolina fosfato (riguardo a questo prodotto, il medico mi ha detto che è molto meno pericoloso per la pressione rispetto all'altro, e che potevo applicarlo anche per lunghi periodi)...dal 16 novembre all'8 dicembre ho continuato a mettere due gocce per occhio di quest'ultimo prodotto una volta ogni 2-3 giorni, per mantenere l'occhio sfiammato. Il problema è che, per colpa mia che ho sforzato effessivamente la vista negli ultimi giorni, uno dei due occhi si sta arrossando di nuovo. E' il caso di aspettare prima di mettere altri cortisonici perché c'è pericolo per la pressione o si può continuare a mettere il secondo prodotto che mi è stato prescritto?
[#11] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buonasera, credo che non corra alcun rischio se ripete l'ultima terapia prescritta ancora per 7/10 giorni, stia tranquillo.
cordialmente