Utente 181XXX
cari dottori,
ho 29 anni,sono lievem. ipermetrope,non porto occhiali e non ho referti di eventuali esami oculistici da sottoporVi(solo tanti fondi oculari).
Il 13 gennaio scorso,in serata, ho iniziato a vedere dei flash con l'occhio destro. Dopo circa una settimana mi rivolgo ad un oculista il quale mi diagnostica un distacco di retina da trattare subito con laser. Sapendo che il medico in questione è di "laser facile",consulto un altro oculista,più attrezzato del precedente,che sconfessa l'esistenza del distacco di retina e mi dice invece che c'è una trazione vitreale da tenere sotto controllo. Dopo 20 giorni di cura con integratori e colliri vari, ricontatto l'oculista spiegandogli che ai flash si era aggiunto anche dolore all'occhio, avvertito soprattutto nel retro del bulbo. Lo specialista mi dice però di non essere in sede e di non potermi visitare. Preoccupata per la situazione, mi rivolgo ad un terzo oculista che mi riferisce di non vedere nulla se non un difetto congenito che gli altri hanno scambiato rispettivam. per distacco di retina e trazione vitreale. Data la situazione particolarmente"chiara",decido di lasciar perdere qualsiasi altra visita e di tenermi il problema.
Nel frattempo il flash sono spariti, ma al dolore all'occhio si sono aggiunte sensibilità alla luce(è come se dall’occhio dx si sbalzasse la vista quando passo da una scena, a cui l’occhio si è abituato, ad una altra, magari più o meno illuminata rispetto alla precedente),miodesopsie(sia dx che sx), annebbiamento sporadico(solo dx), aloni intorno alle luci soprattutto di sera (sia dx che sx)e, ultimamente a volte, sento pulsare il bulbo dal retro.A maggio scorso mi rivolgo ad un quarto oculista che mi parla di slaminamento della retina ma sul dolore non si esprime.
A luglio,in seguito ad una gita in montagna, comincio ad avvertire forti mal di testa domabili solo con iniezioni di toradol, con interessamento dell'orbita destra. Contatto a qst punto un neurologo il quale, tenendo anche presente che 5 anni prima avevo avuto fenomeni di parestesie notturne per circa 3 mesi e mezzo(tutt'ora spesso li ho)e due episodi (a giugno scorso) di minzione incontrollabile, mi prescrive una RM encefalo e RM orbite con e senza mezzo di contrasto. Per fortuna l'esito è negativo.Da qualche tempo sto facendo fisioterapia (manipolazioni)e devo dire che il mal di testa, probabilmente legato alle cervicali, è sparito. L'occhio però continua a darmi problemi.Lo scorso ottobre ho effettuato una visita con un quinto oculista il quale si è accorto che la camera posteriore del mio occhio è più piccola della norma e ha dunque IPOTIZZATO(QUINDI NULLA DI CERTO)che i miei problemi possano essere dovuti a questo. volevo sapere: sono l'unica al mondo che ha questi sintomi?! a cosa vado in contro se si trattasse di camera posteriore più piccola? di cosa si potrebbe trattare altrimenti? quali accertam. dovrei eseguire?e già che si sono: l’RM esclude totalmente la sclerosi multipla? grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
buongiorno,non è l'unica al mondo ad avere questi problemi, ma per poterla aiutare prima bisognerebbe fare una diagnosi di certezza, mi pare che lei abbia messo molta carne al fuoco, si impone una valutazione più approfondita e non certo via web,non so se tra i vari specialisti che ha consultato vi fosse qualcuno dei nostri collaboratori, ma se vuole visto che è di Catanzaro può rivolgersi presso la clinica Universitaria di CZ dove io lavoro e dove sicuramente siamo forniti di tutte le le attrezzature e le professionalità per affrontare i suoi problemi.

cordialmente
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
Salve Dott. Rotondo ! grazie mille per aver risposto. Non mi sono mai rivolta al policlinico di Germaneto e credo proprio che a breve chiederò un appuntamento (preferibilmente con lei se è possibile).
Le confesso che sono un po’scoraggiata, quasi rassegnata ormai! “Inconsciamente” credo di aver richiesto questo consulto qui, su Mediciitalia, proprio per capire se ci sono gli estremi per un’altra visita, dato che tutte le volte che esco dallo studio di un oculista porto a casa un “non so che dirle, se vede i flash ritorni”. Comincio a credere che forse sono io che non voglio arrendermi all’idea che “babbo natale non esiste”!! Ripeto a me stessa che forse, fin quando riesco a controllare i sintomi sopra descritti, posso rimanere così come sto ora e che, probabilmente, non c’è nessuna ragione per cui insistere. Solo che ogni tanto, al dubbio o meno che si tratti di una cosa particolarmente deleteria per il mio occhio, devo dire la verità, si aggiunge anche la mera curiosità di sapere che cos’è che mi porta questi disturbi… ma, le ripeto , tutte le volte che non ho trovato un riscontro, mi sono sentita un po’ “deficiente” e ho pensato che avrei fatto bene a starmene a casa (non considerando quanto m’è costata fino ad ora sta curiosità!!)
Allora a presto Dott. Rotondo… Daniela
[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Buonasera, mi chiami quando vuole(preferibilmente di mattina) il mio numero del Policlinico è 0961/3647119, chieda di me e mi ricordi che ci siamo "conosciuti" su Medicitalia,potrò visitarla e magari un consiglio riuscirò anche a darglielo.

La saluto cordialmente