Utente 158XXX
gentili medici,dato che ho molti dubbi in tal proposito vorrei chiedere un vostro parere ,in seguito ad un periodo per me stressante che ho attraversato per una serie di problematiche con una ormai ex ragazza,ho iniziato ad avvertire fastidi allo stomaco ,in particolare un forte senso di oppressione,soffocamento alla bocca dello stomaco,da li ho fatto una visita dal gastroenterologo e mi ha subito fatto ricercare il batterio nelle feci ed è risultato positivo,cosi ho fatto quella "cura" con antibiotici e gastroprotettore,devo dire che all inizio forse perchè mi illudevo che la cura frisolvesse il mio problema mi sembrava di non sentire fastidi ma poi il problema è tornato e anzi si era aggiunto anche un lieve bruciore e reflusso e per un mesetto le mie feci erano diventate chiare e molli,alla fine nonostante abbia solo 20anni,ho fatto la gastoscopia che ha evidenziato lieve gastrite microerosiva e piccola ernia jatale,gli esami istologici erano tutti nella norma e il batterio risultava non presente..ora mi chiedo se effettivamente serve a qualcosa la cura dato che è un batterio che potrebbe ripresentarsi,anche se mi hanno detto che accade molto raramente,e soprattutto che non era quello evidentemente a darmi problemi ma bensi ma gari l ernia jatale..oltre che uno stato di ansia continua,che in seguito a questi miei disturbi mi ha portato ad una vera e propria depressione a tal punto da non uscire di casa per paura di sentirmi male data la sensazione di soffocamento alla bocca dello stomaco che provo soprattutto se ci penso e mi agito,naturalmente non nascondo di aver avuto esperienze di psicoterapia che ho interrotto per un periodo ma che ora sto riprendendo..voi cosa ne pensate..premetto che non bevo ,non fumo e faccio una alimentazione sana il piu possibile,oltre che fare sport..vi ringrazio
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
la terapia nei confronti dell'helicobacter ha avuto successo e non c'è motivo di pensare ad na recidiva.
Per la gastrite erosiva è opportuna una terapia (di tipo convenzionale o non-convenzionale) prescritta dal medico che può visitarla.
La componente ansiosa può interferire con i intomi ed è bene che lei abbia ripreso la psicoterapia interrotta.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per la sua risposta,la terapia che mi era stata prescitta e che io ho seguito a puntino,era una dieta per 3 settimane e poi per 8 settimane prendere il limpidex come protettore gastrico..ma possibile che questa lieve gastrite con una piccola ernia jatale posso darmi questo senso di soffocamento che delle volte avverto alla bocca dello stomaco?grazie ancora