Utente 199XXX
Buongiorno, ho 45 anni, all'inizio di gennaio scorso ho avuto i problemi con forte bruciore nella vescica, ma senza febbre. Prostata durante la visita era molto dolente. Diagnosi: prostatite. Dopo diversi esami di urine (infezione di Enterobacter cloacae, 1.000.000, sensibile solamente Cefepime, Ciprofloxacina, Meropenem) e di PSA (7,99 ng/ml) è stata applicata la cura di Ciproxim /10 giorni. Dopo un mese PSA è sceso a 2,69, infezione urinaria al 10.000, ma sensibile solo al Meropenem e Cefepime. Il problema che ogni volta quando prendo un po' di vino o di birra (anche un quarto di bicchiere!), dopo qualche istante sento forte bruciore della zona di prostata, uno spasmo molto fastidioso, che passa dopo 5-10 minuti. Dall’ecografia la prostata risulta ancora un po' aumentata di volume e determina modesti fenomeni compressivi sul pavimento vescicale. Le vescicole seminali sono aumentate di volume. Ora prendo un preparato Cys-control 800. Non so cosa fare, perché questo fastidio diventa insopportabile, specialmente duranti pasti mi sento male. Chiedo gentilmente un consiglio.Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Purtroppo i disturbi causati dalla infiammazione della prostata tendono a perdurare per alcuni mesi perciò in questa fase è importante seguire i consigli terapeutici del suo Urologo e modificare lo stile di vita cominciando con l'eliminare del tutto gli alcolici dalla sua dieta.