Utente 156XXX
Gentili dottori,
ho 21 anni e vi scrivo per un problema che sta diventando importante.
Ho grosse difficoltà a raggiungere e mantenere l'erezione,praticamente quasi assente, anche la dimensione del pene a riposo è ridotta rispetto a qualche tempo fa.
Sono affetto da diabete mellito di tipo 1 (diagnosi risalente a DICEMBRE 2009) con ultimo riferimento di HB-ALC 8,1 e da tiroidite di hashimoto (diagnosi sempre del dicembre 2009) con valori tiroidei perfettamente nella norma, essendo in cura con eutirox. Gli altri valori sono tutti nella norma, solo il valore del colesterolo è 220.
Non noto un calo del desiderio sessuale.
Sono un fumatore, circa 10 sigarette al giorno.

E' probabile che alla base ci sia un danno vascolare, vista la presenza del diabete? Nonostante la ancora breve durata della malattia?

Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il dismetabolismo glico-lipidico,associato ad uno stile di vita inidoneo,rappresenta un fattore determinante nella instaurazione di una disfunzione erettile che,alla Sua eta',puo' considerarsi transitoria ma,nel tempo,andra' sempre piu' affermandosi come costante.Segua i consigli gia' ricevuti nei post precedenti e,se vuole,ci aggiorni in seguito.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il diabete mellito è spesso associato e causa di disfunzione erettile; le disfunzioni tiroidee possono altresi causare alterazioni dei meccanismi erettili.
I primi rapporti sessuali che spesso sono vissuti anche come una dimostrazione di "virilità" si accompagnano anche ad un ricco "contenuto" psicologico emozionale.
Sono tutti problemi che possono essere definiti ed affrontati con le opportune terapie
si faccia seguire da un andrologo-endocrinologo,
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste problematiche, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/278-disturbi-erezione-diabete-mellito-fare.html .

Un cordiale saluto.