Cipralex e problema erettile

Salve,
sto assumendo Cipralex da poco più di un mese per curare una leggera depressione. Il dosaggio prescritto dalla psichiatra curante è di 10 mg al giorno, e ci sono arrivato gradualmente nell'arco di una settimana partendo da 5 mg.
Ho sofferto di depressione in passato e continuo a soffrire occasionalmente di distimia, prima dell'assunzione del farmaco avevo avuto alcune insufficienze erettili. Nelle due settimane successive all'inizio della terapia invece ho avuto un notevole incremento della libido e dell'erezione. Purtroppo però l'effetto è andato affievolendosi nei giorni successivi tanto che ora sono tornato ai livelli precedenti l'inizio della terapia con in aggiunta una notevole difficoltà al raggiungimento dell'orgasmo.
Vorrei sapere se è normale tutto ciò. Tutti i problemi di erezione che avevo erano completamente spariti nelle prime due settimane, perché sono poi ricomparsi?
Ci sono terapie farmacologiche parallele al Cipralex che ne annullano (o limitano) gli effetti collaterali legati alla sfera sessuale?
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,8k 1,2k 1k
Gentile lettore,

questa classe di farmaci può dare queste problematiche sessuali e quindi il nostro consiglio è quello di risentire in diretta il suo psichiatra che eventualmente insieme ad un esperto andrologo possa studiare la strategia terapeutica generale meglio mirata sulla sua particolare e reale situazione clinica.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/231-farmaci-e-interventi-che-possono-danneggiare-la-sessualita-maschile.html .

Un cordiale saluto.


Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Quindi il beneficio che ne ho tratto in fase di erezione per le prime due settimane è da ascriversi ad "effetto collaterale"? Oppure dopo le prime due settimane di assunzione sono comparsi i veri effetti collaterali che mi hanno inibito una normale e soddisfacente erezione?
Sarebbe un peccato, pensavo di aver trovato finalmente un antidepressivo "perfetto". Comunque la ringrazio, ne parlerò ancora con il mio psichiatra e chiederò eventualmente un consulto con un andrologo.

[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,8k 1,2k 1k
Difficile da qui darle una risposta precisa.

Si può pensare forse che l'iniziale effetto positivo sulla sua ripsosta sessuale era semplicemente legato al suo "miglioramento dell'umore", dovuto forse alla terapia appena iniziata.

Comunque ora risenta il suo psichiatra in diretta e poi, se lo desidera, ci riaggiorni.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio