Utente 656XXX
Egregi Dottori,
mia madre, di anni 71, soffre di osteoporosi ed ha ripreso ad assumere - dopo tre anni di sospensione - per via intramuscolare un totale di n. 9 fiale di Difosfonal (n. 6 una volta a settimana e n. 2 una volta ogni 15 giorni; e, dopo una pausa di circa venti giorni, n. 1 in data 12 aprile 2011).
Causa forte dolore al secondo molare arcata inferiore dx incapsulato (moncone di protesi di 4 elementi)(terzo molare estratto), e nonostante cura antibiotica di 6 giorni con Zimox da 1g., si è rivolta al dentista, il quale ha constatato un'infezione in atto e consigliato l'estrazione.
Quali possono essere i rischi, data l'assunzione di bifisfonati? E' necessario far decorrere un minimo di tempo dall'ultima iniezione di Difosfonal? O ci sono delle tecniche alternative che consentono di evitare il ricorso all'estrazione?
Grazie per la cortese attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Marcello Fantini
28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Il rischio è una necrosi ossea mascellare più o meno localizzata. Dovrebbe parlare con il dentista per valutare l' alternativa all'estrazione, nel caso in cui questa fosse necessaria deve rivolgersi all' ortopedico che ha in cura sua madre, fargli presente il problema e valutare la sospensione o la sostituzione del bifosfonato. So che vi sono farmaci alternativi, ma solo lo specialista può decidere al riguardo.
Saluti.
[#2] dopo  
Utente 656XXX

Iscritto dal 2008
Egregio Dr. Fantini,
innanzitutto grazie infinite per la pronta risposta!
Sperando di non approfittare oltre della Sua disponibilità, gradirei sapere se, qualora il dentista dovesse ritenere necessaria l'estrazione e l'ortopedico la sospensione del farmaco e la sua sostituzione, il decorso di un mese circa dall'ultima assunzione di bifosfonato possa essere un periodo sufficiente per scongiurare il rischio di necrosi di cui parlava.
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Marcello Fantini
28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Il problema della necrosi da bifosfonati è così recente che non c'è certezza assoluta sul da farsi. Tuttavia secondo le linee guida più recenti è necessario sospendere il farmaco almeno 2-3 mesi prima dell' estrazione, nei casi più favorevoli, fino a diversi anni prima, in caso di somministrazioni lunghe e ad alte dosi.
Saluti.
[#4] dopo  
Utente 656XXX

Iscritto dal 2008
Gent. mo Dr. Fantini,
La ringrazio infinitamente.
Distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
probabilmente l'infezione in atto potrebbe già costituire l'episodio scatenante di lesioni da osteonecrosi, a prescindere dall'eventuale estrazione da effettuare.

Senza nulla togliere al suo medico, considerando che al momento non sono stati fissati protocolli precisi per fronteggiare questa complicanza per l'esiguità dei dati a disposizione, non posso che consigliarle di rivolgersi
presso un adeguato centro di riferimento di chirurgia maxillo-facciale, che nell'interland di Roma certamente non mancano.

Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Utente 656XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dr. Palomba,
nel ringraziarLa e scusandomi per aver letto solo ora la Sua risposta, volevo chiederLe se una semplice radiografia può consentire di fare diagnosi di osteonecrosi; se, in caso di esito negativo, il rischio possa considerarsi scongiurato e qual è altrimenti l'esame diagnostico più indicato a dare risposte certe in casi come questo.
Grazie.
[#7] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Il rischio di osteonecrosi della mandibola è alto SOLO nel caso di dosaggi da bifosfonati in uso nella terapia antitumorale.

Nel caso di dosaggi atti alla prevenzione dell'osteoporosi, il rischio (a quanto ne sappiamo oggi) è decisamente basso, anche se non assente.

Cosa fare quindi?

Se si può evitare l'estrazione, lo si fa; ma non è una cura "alternativa", NON C'E' NESSUNA ALTERNATIVA ad una estrazione necessaria.
Ci sono alternative solo ad estrazioni NON NECESSARIE!

Se non si può evitare l'estrazione, occorre farla lo stesso, scegliendo un professionsita competente che "prenda" in cura la mamma, evitando lo scaricabarile del caso "a rischio" e "rognoso".

Gli accorgimenti da prendere per minimizzare il rischio sono noti ad un chirurgo orale: terapia antibiotica protratta, intervento il meno traumatico possibile, sutura...
Ordinaria amministrazione, quindi.

E, per ultimo, sotolineo quanto ben detto dal dr. Palomba, l'infezione IN ATTO può essere causa di osteonecrosi.
[#8] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
prima di tutto è fondamentale l'esame clinico della cavità orale per individuare lesioni spesso anche asintomatiche:
come esame strumentale è sufficiente l'opt o rx panoramica che permette di individuare variazioni strutturali del trabecolato osseo.

L'eventuale assenza di lesioni al momento non esclude la possibilità che possano manifestarsi in futuro: per questo è necessario sottoporsi ad un programma di controlli periodici dal dentista, di sedute professionali di ablazione tartaro,
ed è utile seguire protocolli di igiene orale domiciliare con l'uso quotidiano di collutorio a base di clorexidina.
Cordiali Saluti
[#9] dopo  
Utente 656XXX

Iscritto dal 2008
Egregi Dr. Formentelli e Dr. Palomba,
grazie infinite per gli interventi estremamente chiari ed esaustivi.
Distinti saluti