Utente 204XXX
egregi medici,mi è stato diagnosticato un k. alla prostata con metastasi diffusa allo colonna vertebrale. ho iniziato il trattamento con casodex una al dì e zometa per adesso una prima infusione la prossima al 3 di maggio. vi chiedo cortesemente, visto gli effetti devastanti che provoca lo zometa sulle mandibole, io che non ho più neanche un dente,bensì delle protesi mobili, corro gli stessi rischi, se si, in quale misura o non mi devo proccupare? cordialmente V.

[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
lei riporta di non avere più denti e questo in genere mette in una condizione favorevole all'inizio del trattamento con bifosfonati con minor rischio di osteonecrosi della mandibola. Comunque una rx ortopanoramica sarebbe utile per verificare lo stato dell'osso mandibolare in particolare con riferimento ad eventuale persistenza di alterazioni flogistiche o esiti di precedenti estrazioni.
Cordiali Saluti
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#2] dopo  
Utente 204XXX

la ringrazio per la rapida risposta ,ma ancora una domanda: se con la ortopanoramica dovesse risultare tutto in ordine ,corro comunque dei rischi? se si, in che percentuale?
la ringrazio nuovamente, cordialmente:V

[#3] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se tutto è in ordine alla radiografia ed anche alla visita odontoiatrica, che deve anche escludere eventuali traumatismi della protesi, il rischio di osteonecrosi si riduce di molto. Di percentuali se ne leggono molte qua e là, ma in realtà non sono numeri precisi. Infatti, oggi che è nota questa particolare conplicanza, non sarebbe etico condurre studi di confronto tra soggetti che adottano misure preventive e soggetti per i quali non vengono adottate alcune misure.
Diciamo che pur con tante attenzioni può capitare nell'1% dei casi, così dice uno studio del 2009. Non sappiamo se in questi casi è sfuggita la presenza di qualche fattore di rischio.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#4] dopo  
Utente 204XXX

ok, grazie ancora, le farò sapere