Utente 115XXX
Salve, 3 anni fa, durante l'ultima visita dermatologica, mi è stata riscontrata una dermatite seborroica, resposabile della caduta (seppur appena percepibile) dei miei capelli.

Mio padre e i miei nonni sono quasi tutti calvi, e presto lo diventerò anche io.

Conscio di non poter arrestare l'imminente calvizia alla quale vado in contro, volevo, in ogni caso, chiederVi se esista un qualche rimedio che possa almeno limitare i danni e ritardare la caduta.

Ho provato alcuni prodotti in farmacia (senza risultati); adesso utilizzo le fiale di Bioscalin da circa un mese, e nonostante noti un leggero rafforzamento dei miei capelli, non penso ci siano abbastanza risultati (visto anche che i miei capelli, se non lavati almeno ogni 2 giorni, diventano sistematicamente unti) [anche senza utilizzare i prodotti prima citati]

Inoltre, ho un altro problema al sopracciglio sinistro; spesso, nonostante una corretta pulizia, noto che si formano alcune crosticine bianche decisamente antiestetiche.

Cosa posso fare ?

Grazie


Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Angelo Salvatore Ferrari
24% attività
4% attualità
12% socialità
COSENZA (CS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Gentile utente dall'anamnesi raccontata e dalla descrizione dei sintomi potrebbe trattarsi di alopecia androgenetica che se confermata da una visita dermatologica ,che dovrebbe effettuare al più presto, potrebbe effettuare terapie mirate consigliate dallo specialista in grado di contrastare l'evoluzione della malattia. Il dermatologo saprà anche consigliarla per quella desquamazione del sopracciglio e sull'uso di detergenti e shampoo adeguati al suo problema, intanto coregga eventualmente le abitudini di vita (elimini fumo,alcool, alimentazione ricca di grassi animali,caffè,spezie)perchè anche queste con lo stress possono aggravare la patologia.