Utente 213XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 22 anni molto preoccupato per le dimensioni del mio pene (tanto per cambiare..), questo perchè non ho ancora capito quali siano!
Sembra paradossale ma avendo una curvatura di tipo dorsale ottengo due misure diverse a seconda di come lo misuro: col righello rigido è 13 cm mentre con il metro da sarta (adattabile alla curva) diventa 15 cm.
Praticamente la curvatura mi fa perdere 2 cm!
Vorrei pertanto chiedere a voi esperti quale misura prendereste come buona se doveste fare una statistica: insomma, nelle tabelle sono da considerare un 13 o un 15 cm?

Per ultimo desidero avere delucidazioni riguardo il contatto tra pene e vagina durante il rapporto sessuale: nel mio caso arriverei a una profondità di 13 cm oppure la vagina si adatterebbe alla curva e quindi la donna sentirebbe 15?

Spero di essere stato chiaro, so che potrei non spiegarmi bene e che rischio di annoiarvi però questi quesiti,specie l'ultimo, sono per me molto importanti.

Vi prego non ditemi solo che rientro nella normalità perchè questo già lo so!
Confido nella vostra professionalità e sincerità di medici dato che ho troppa vergogna per parlarne con un qualsiasi altro medico dal vivo.


Un saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
delle misurazioni non mi preoccuperei, tanto è normale nei due casi.
Il pene deve essere rettivicato per essere misurato, van bene i 15.
La vagina è elastica e si adatta al contenuta e non fa differenza fra 13 e 15.
Detto questo: che dice di due chiacchere con uno psicologo? L' assilo delle diomensuioni nonostante sia conscio della normaliytà è indice di grave timidezza. Deòlla timidezza mi preoccuperei, del suo pene no.

[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

le rispondo solo all'ultima domanda perchè alla prima sembra che si è già risposto da solo o ha già ricevuto in questo senso molte risposte!

Allora si parte dal principio e cioè che la vagina di una signora ha dei recettori somato-sensitivi, cioè che sentono o percepiscono qualcosa di preciso, solo nei suo primo tratto, lungo qualche centimetro, per cui un dito, 5, 10, 12, 14, 15 o 16 centimetri sono per una vagina la stessa cosa.

A lei le conclusioni finali!

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html .

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Innanzitutto ringrazio entrambi per le risposte fulminee!
Per replicare, beh non le posso negare Dott. Cavallini che sono sempre stato molto timido, lo sono tutt'ora, però se da come ho capito nelle statistiche rientro nei 15 cm questo un po' mi rincuora perchè nella mia testa sono convinto di essere un 13 e questo per me fa molta differenza..
Come già ho scritto di questi problemi non riesco proprio a parlarne con nessuno di persona perchè ho troppa vergogna, tantopiù con uno psicologo, tale motivo mi ha spinto a scrivervi.
Per il secondo quesito ho compreso dalla spiegazione del Dott. Beretta che la vagina percepisce qualcosa solo nei primi centimetri però questo non spiega come mai le ragazze hanno più piacere nel ricevere peni di grandi dimensioni, possibile che sia solamente una questione psicologica? Non riesco proprio a crederlo.
Ho letto l'articolo che ha pubblicato su questo sito: è molto interessante vedere come più o meno tutte le misurazioni a distanza di tempo combacino in termini di cm medi anche se non ho ancora capito come la misurazione del pene eretto avviene, se con o senza pressione sull'osso publico.
Mi permetto vista la vostra generosità di fare un'ulteriore domanda a scopo chiarificatore:
la vagina si adatta alle dimensioni del pene, questo è chiaro, però non è chiaro se un pene diritto stimola essa in modo uguale a quello di un pene curvo e se la curvatura fà perdere profondità nella penetrazione.

Vi ringrazio ancora per la disponibilità e per la comprensione.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Un pene deve essere fisologicamente curvo come scimitarra senno tende a rompersi con i movimenti copitali come un fioretto.

"Per il secondo quesito ho compreso dalla spiegazione del Dott. Beretta che la vagina percepisce qualcosa solo nei primi centimetri però questo non spiega come mai le ragazze hanno più piacere nel ricevere peni di grandi dimensioni, possibile che sia solamente una questione psicologica?" Balle, Frottole, Bubbole di stampo machistico: la maggior parte delle domnne ha paura di peni grandi per pèaura di sentire male.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

per aggiungere anche il mio ultimo parere alle corrette osservazioni già datele dal collega Cavallini, le ripeto quello scritto già in diverse ed altre occasioni su questo stesso sito e cioè che sicuramente l'apparenza può avere dei risvolti curiosi, come al circo, ma personalmente penso che è mille volte meglio un uomo che sa davvero come procurare piacere al partner e che conosce bene il suo corpo, anche se non ha un pene da "elefante", piuttosto che un "elefante" che, sotto le lenzuola, è un "imbranato" o, peggio ancora, pensa solo a se stesso.

Le posso assicurare che tecnica, esperienza, sentimento e molta fantasia per un uomo valgono molto di più che avere un pene "esagerato".

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Cari Dottori,
sul fatto che bisogna "saperci fare" ed essere bravi a conoscere ciò che piace alla partner come ricorda il Dott.Beretta è chiaro come l'acqua però permettetemi di osservare che è azzardato sostenere che una ragazza provi le stesse sensazioni con un pene di 12 cm rispetto a uno di 18 cm: conosco direttamente e indirettamente esperienze di ragazze che non riuscivano a raggiungere il piacere con ragazzi che guardacaso non erano dei mostri in dotazione peniena mentre riuscivano benissimo con altri che avevano un "bell'arnese", insomma, alla luce di questo penso che le dimensioni ai fini del piacere femminile qualcosa contino.
Alle ragazze piace essere "riempite", mi scuso per la volgarità ma è questo che si sente dappertutto.
Dico questo non per polemizzare ma perchè ho avuto testimonianze diverse che mettono in forte dubbio quanto detto dalla medicina parlando di dimensioni-piacere.
In ultimo desidero ringraziarvi per il tempo dedicatomi rinnovando i miei saluti cordiali.
[#7] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,


lei ha un pene di dimensioni assolutamente normali per un uomo italiano di razza bianca.
tutti i maschi, giovani, hanno la convinzione che le grosse dimensioni del pene possano portare a maggiore piacere, gratificazione della partner.
Ma non è così!
Una donna con un bellissimo seno, attraente, non è detto che a letto sia dotata di particolari o diverse capacità amatoriali rispetto alla ragazza "piatta come una tavola" ma che a letto sa prendere una serie di iniziative sessuali che possono far "impazzire" il maschio.
Quando avrà avuto un po' di esperienza dirette sessuali si convincerà di tale affermazione.
cari saluti
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Chiedo scusa, ma in quanto a testimonianze le nostre sono superiori
[#9] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per il suo intervento Dott. Pozza, sono a conoscenza della normalità delle mie dimensioni anche se non ho ancora capito che metodologia hanno usato i tecnici per effettuare le misurazioni, se premendo contro l'osso pubico o meno.

Inoltre perdoni l'obiezione ma una donna col seno non ci fà sesso, c'è una bella differenza tra loro e noi, non crede?
Quindi secondo quanto detto fin'ora devo pensare che tutti quei ragazzi fossero delle frane mentre gli altri no indipendentemente dalle dimensioni? Mi sforzerò di crederlo anche se mi sarà difficile.
Spero,come dice lei, che quando avrò un po' di esperienze sotto le lenzuola, visto che per ora non ne ho, mi convincerò di quanto dite, questo però dipenderà anche dall'altro sesso visto che ci sono molte ragazze che deridono queste dimensioni.

Ringrazio anche il Dott. Cavallini per la controbattuta e mi auguro fortemente che abbia ragione!

Cordiali saluti a tutti voi
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Da vendere ho ragione. Parli con uno psicologo. Di noi non ha bisogno.
[#11] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Mi scuso Dott.Cavallini se la mia ultima frase l'ha offesa, non era assolutamente mia intenzione farlo.

Grazie ancora

Saluti cordiali
[#12] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non mi ha offeso, solo che non si vuole cacciare in testa di essere assolutyamente normale.
[#13] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Purtroppo è cosi, spero di convincermi il prima possibile, in caso contrario dovrò per forza di cose trovare il coraggio di rivolgermi ad un sessuologo/psicologo.

Grazie per i consigli

Saluti
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sarebbe la cosa più saggia da fare.