Utente 216XXX
buona sera
sono un uomo di 42 anni alto 172 per 66 kg. sono un tipo abbastanza nervoso,alle volte ansioso,qualche mese fa ho fatto una visita di controllo dal cardiologo che trovandomi della extrasistoli,ni fece fare un po di esami,elettrocardiogramma sotto sforzo, pressione 24 ore,elett. 24 ore esito e.con prova da sorzo
test condotto al cicloergometro con carichi crescenti di 50 wat ogni 2 minuti
interruzione dello sforzo al carico massimo di 150 watt per esaurimento muscolare
raggiunta la frequenza massima di 167 bpm'(93 % della massima teorica)con PAO di 200/100 mmhg (d.p.33400)
durante lo sforzo e nel recupero non si sono avute alterazioni del tracciato elettrocardiografico di significato patologico in assenza di sintomi riferiti ottima la tolleranza all'esercizio.frequentissima extrasistolia sopraventricolare e isolata ventricolare.si segnala tachicardia sinusale al basale (113 bpm).rialzo pressorio con valori aumentati anche nel basale .
CONCLUSIONI test ergometrico massimale non indicativo di ridotta riserva coronarica .tachicardia sinusale al basale .frequentissima extrasistolia sopraventricolare.isolati BEV .rialzo pressorio con valori aumentati anche nel
basale.
ho fatto anche esami del sangue per la tiroide risultati negativi
dopo questi esami il medico ha provato a darmi una dose minima di beta bloccanti
da me non tollerati molto bene (sonnolenza)comunque il medico mi rassicura che va bene comunque,(anche seza betabloccanti) caro dottore volevo sapere lei cosa mi consiglia,queste extrasistoli le percepisco dopo mangiato,ho quando sono stanco.sento dei battiti irregolari per qualche secondo,che poi riprendono regolarmente,devo dire che mi danno fastidio la cosa strana che se mi alzo e cammino non le percepisco piu',un'altra sensazione,mi capita quando sono un po'
emozionato sento per 2 3 secondi come uno sfarfallio tipo solletichio al cuore.
GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In effetti la terapia con beta bloccanti sarebbe la più' indicata. La famiglia dei beta bloccanti comunque e' molto numerosa e quindi la sonnolenza causata da quello da lei impiegata potrebbe non comparire con altri tipi di beta bloccanti (es. sotalolo).
Tenga comunque presente che il fatto che tali aritmie scompaiano durante lo sforzo e' indice della loro benignità'
cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org