Utente 315XXX
Mio marito ha 49 anni. Da circa 1 anno accusa gonfiore (premendo con un dito rimangono segni marcati, incavati e persistenti) nella parte inferiore delle gambe; per intenderci: nella zona interna rispetto alla tibia. Le caviglie non sono interessate. Gli elastici delle comuni calze, se posizionati al di sotto del ginocchio, gli provocano segni vistosi di compressione e forte prurito. Posso aggiungere, qualora possa esservi attinenza, che le minzioni sono ridotte nel numero 4-5 al di' e che la quantità di urina, rispetto ai liquidi ingeriti, pare essere leggermente scarsa. Desidereremmo sapere quali potrebbero essere le diagnosi, gli esami clinici cui sottoporsi e gli eventuali rimedi. Ringrazio fin d'ora per le risposte che ricevero'.
[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi
48% attività
0% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La prima cosa da fare URGENTEMENTE è un esame cardiologico (per escludere che gli edemi degli arti inferiori non siano segni di scompenso). Poi, con la stessa urgenza bisogna valutare la FUNZIONLITA' RENALE con determinazione di PSA e fosfatasi acida prostatica, per escludere che sia in realtà una PROSTATA ingrossata a causare un'insufficienza minzionale..che poi se trascurata si trasforma in insufficienza renale. (a 46 anni LA PROSTATA va controllata ALMENO UNA VOLTA L'ANNO...)

Niente di meglio perciò che un ricovero in day hospital tenendo presente quanto vi ho detto. Se non ha dolori alla deambulazione, crampi, non debba fermarsi ogni tanto camminando, se il colore degli arti è normale, escluderei problemi relativi alla circolazione, ma bisogna per forza sottoporsi a visita, via mail è difficile dare indicazioni precise.

Fatemmi però sapere. Vi faccio tant auguri