Utente 192XXX
Gentili medici, oramai da mesi sto cercando di curare il batterio E. Coli a seguito di un tampone uretrale e balano prepuziale risultato positivo. Premetto che sono eterosessuale, ma a volte mi è capitato di avere con la mia unica partner rapporti non protetti. Il primo andrologo da cui andai mi prescrisse tavanic antibiotico, nessun effetto. Andai da una dermatologa venereologa che mi consiglió di fare un orinocultura e di usare fino al risultato del gentalyn beta. Esame delle urine sterile, ma andato al controllo in ospedale, un altro venereologo (non c'era la stessa dottoressa di turno) mi ha prescritto Noroxin 400 mg 2 volte al giorno per 10 giorni. Attualmente sto facendo questa cura e sono all'ottavo giorno. Mi ha fatto preoccupare una desquamazione del glande comparsa circa al terzo giorno di cura e ancora non terminata. Dal momento che tra due giorni finisco la cura, la mia paura è che anche questo antibiotico risulti inefficace visti questi nuovi sintomi, e quindi rendere il batterio più forte.. Quindi, la mia domanda è: questa desquamazione è normale o no? E in caso sia sintomo di resistenza del batterio, devo terminare comunque la cura al decimo giorno?
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Premesso che è necessaria una visita dermatologica, il riscontro in un tampone dei genitali di E.Coli è spesso normale considerato il fatto che è un batterio commensale, e quindi fisiologicamente presente, nella nostra flora batterica intestinale. Il problema insorge quanto è presente una sintomatologia e segni di infezione; per quale motivo ha eseguito il tampone? la desquamazione era presente prima o è insorta durante la terapia antibiotica?
[#2] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
Chiedo scusa se sono stato poco chiaro e la ringrazio.
Il tampone l'ho effettuato su consiglio del mio medico curante, a seguito di fastidi come arrossamenti, pruriti, e piccole pellicine biancastre sul glande che inizialmente fecero pensare al medico fosse una candida. Il venereologo mi ha detto che questo batterio potrebbe essere trasmesso in seguito ad un rapporto anale, proprio perché l'esame delle urine si è rivelato sterile. Quindi questa desquamazione era presente prima ma in forma diversa rispetto ad ora che sembra essere una pellicola biancastra in desquamazione.
Ho già preso appuntamento per una visita di controllo, ma purtroppo non vedró il dermatologo prima di 2 settimane, proprio per questo chiedo a voi se questo sintomo deve farmi allertare o se invece posso stare tranquillo. Vi ringrazio ancora,
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Guardi senza la vedere le lesioni non è possibile stabilire una diagnosi. L'assunzione di antibiotici senza una diagnosi corretta non è indicata anche perchè possono confondere il quadro clinico. Le consiglio una visita dermatologica, purtroppo senza vedere il quadro non è possibile consigliarle una terapia adeguata.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
Bene, spero allora che questa terapia antibiotica che sto seguendo si riveli utile!
Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Di nulla!
[#6] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
Chiedo scusa se sono stato poco chiaro e la ringrazio.
Il tampone l'ho effettuato su consiglio del mio medico curante, a seguito di fastidi come arrossamenti, pruriti, e piccole pellicine biancastre sul glande che inizialmente fecero pensare al medico fosse una candida. Il venereologo mi ha detto che questo batterio potrebbe essere trasmesso in seguito ad un rapporto anale, proprio perché l'esame delle urine si è rivelato sterile. Quindi questa desquamazione era presente prima ma in forma diversa rispetto ad ora che sembra essere una pellicola biancastra in desquamazione.
Ho già preso appuntamento per una visita di controllo, ma purtroppo non vedró il dermatologo prima di 2 settimane, proprio per questo chiedo a voi se questo sintomo deve farmi allertare o se invece posso stare tranquillo. Vi ringrazio ancora,
Cordiali saluti.