Utente 526XXX
gent.mi dottori,
in data 28/11/'07 mi sono sottoposto ad innesto autologo con prelievo da cresta iliaca per rialzo seni mascellari allo scopo di un sucessivo impianto.
il chirurgo mi ha consigliato di deambulare con stampelle e non caricare sull'arto per un mese, cosa che ho eseguito.
Essendo uno sportivo vorrei conoscere quali attività fisiche o fisioterapiche riabilitative posso eseguire e a partire da quando.
ringrazio anticipatamente per i consigli che mi saranno inviati.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
non conoscendo l'entità del prelievo, risulta difficile fornirLe un parere.
Nella maggioranza dei casi, dopo un prelievo osseo dalla cresta iliaca, il recupero è variabile ma non supera le due settimane.
Dato che il Chirurgo Le ha prescritto l'utilizzo di stampelle, deve essere stato un prelievo osseo rilevante.
Per questo motivo, data la possibilità di rigenerazione ossea parziale, Le suggerisco di richiedere al Chirurgo stesso tale informazione.
Cordiali saluti

[#2] dopo  
4165

Cancellato nel 2015
Gentile Utente,
concordo con il Collega sul fatto che il recupero dopo un prelievo di osso autologo dalla cresta iliaca a scopo ricostruttivo dei mascellari normalmente necessiti di un tempo abbastanza ridotto.
In caso il prelievo sia stato di notevoli entità e soprattutto, in caso sia stato bicorticale ed in vicinanza della spina iliaca anteriore superiore, un periodo di ridotto carico può essere previsto per evitare spiacevoli conseguenze.
Il mio consiglio è quello di iniziare gradualmente con FKT senza carico sull'anca (i.e. ciclette) comunque dopo aver ottenuto il consenso da parte del collega che ha eseguito il prelievo stesso.
Normalmente un mese di carico "protetto" è sufficiente anche in casi di prelievi ossei molto più complessi, a meno che non siano presenti controindicazioni specifiche, di cui dovrebbe chiedere conto al collega che la ha operata.
Distinti saluti