Utente 544XXX
Buongiorno, a seguito di una forte faringotonsillite con febbre curata con antibiotici e cortisone, dopo un mese, in occasione di una lieve ricaduta,senza farmaci,eseguo analisi del sangue piu' tampone faringeo dove non si riscontra nulla di patologico nel cavo orale (flora commensale orofaringea) mentre appaiono alti gli eosinofili, sia in percentuale (9.1 % ) sia in assoluto (0.8 ul ) così come la proteina C reattiva (1.5 ).Dato che il mio medico non ha deciso di approfondire la questione, attribuendola a componenti allergiche, vorrei almeno capire se e cosa devo fare per scoprire l'ipotetica allergia (ma a livello inalatorio o intestinale?) visto l'assenza di sintomi. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
l'alterazione della proteina C-reattiva può riflettere indirettamente la condizione infiammatoria a carico delle alte vie respiratorie, per cui dovrebbe normalizzarsi quando sarà guarita.
L'aumento degli eosinofili è quasi trascurabile, comunque sarà utile vedere esami precedenti (per capire se è un dato nuovo) ed eventualmente dovrà essere controllato nel tempo. In teoria è anche correlabile ad una predisposizione allergica (con probabilità maggiori se in famiglia ci sono soggetti allergici noti), pur non evidentemente sintomatica; ma questi valori di eosinofili si possono trovare anche in soggetti sani.
Se ci fosse una tendenza all'aumento, o se preferisce fare da subito qualche indagine, può approfondire con una valutazione allergologica (per svelare l'eventuale predisposizione) e con la ricerca di parassiti nelle feci.
Saluti,