Utente 341XXX
Buongiorno.
Da molto tempo soffro di episodi di orticaria che si manifesta improvvisamente. Parte da un prurito insistente all'interno delle orecchie, a cui si aggiungono i palmi delle mani, la nuca ed infine si estende a pancia, braccia e gambe.
Oltre ai pomfi, che tendono poi ad unirsi e fomare bolle molto estese, si gonfia tutto il viso. Gli occhi, il naso e la bocca in modo particolare.
Solo un paio di volte ho riscontrato un principio di edema della glottide. Generalemnte l'episodio si risolve velocemente se all'insorgenza assumo una compressa di Bentelan, anche se il giorno dopo la "sensazione" di prurito a volte si ripresenta senza però degenerare.
Dagli esami allergologici sono risultata intollerante a parecchi alimenti (frutta e verdura in particolare), ma mai in modo grave.
Soffro di dermatite insistente al palmo della mano destra, che non sono mai riuscita a risolvere e che si presenta dall'autunno alla primavera, ma che riesco a gestire con una crema (Restiva mani).
Gli episodi si sono verificati anche a seguito di una corsa o di una seduta in palestra.
Esiste un modo con cui verificare da dove partono questi episodi?
Sono legati in qualche modo al corretto lavoro del fegato?
Riuscirò mai a liberarmene?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
è fondamentale chiarire l'origine dell'orticaria: cioè capire se si tratta di episodi spontanei oppure provocati dall'assunzione di alimenti (con il termine "intollerante" talora i pazienti intendono in realtà definire una situazione di allergia: che test ha eseguito?). La prognosi e il trattamento sono strettamente dipendenti da questa distinzione. Si sottoponga prima possibile ad una valutazione allergologica.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2007
Egregio dottore,
La ringrazio per la risposta quasi immediata!
Qualche anno fa mi sono sottoposta agli esami allergologici, fatti con il prelievo di sangue.
La concentrazione massima riscontrata è di 16 kUA/l per pesche e albicocche.
Tutto il resto va da 0.50 a 10.40 ed in genere sto attenta ad evitare questi alimenti.
Ho fatto anche la prova dei metalli con i patch e solo il nickel aveva un +.
E' vero che può essere di origine psicosomatica o da stress?
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Se si riferisce al dosaggio di IgE stiamo parlando di sensibilizzazioni importanti, teoricamente responsabili del quadro clinico (cosa da valutare ed eventualmente confemrare con l'allergologo) per cui si dovrebbe stabilire quali sono le molecole implicate. Il discorso non può esaurirsi in questa sede. Le consiglio nuovamente, e ancor più vivamente, di farsi rivedere quanto prima dallo specialista.
Saluti,