Utente 204XXX
Buongiorno, dopo un lungo periodo in cui sono stata bene e ho avuto e convissuto con poche e sporadiche extrasistoli ( sto continuando la cura psichiatrica e analitica) ieri mi stavo recando ad un appuntamento che mi metteva molta ansia e ho incontrato un 'amica e abbiamo camminato a passo sostenuto cosa che io non faccio mai o perlomeno non quell ansia che avevo, generata anche da questa "amica". Mi sentivo oblbligata a tenere il suo passo, non che corresse, ma parlavamo e inghiottivo aria per la grande ansia. Poi quando ci siamo fermate per parlare ho avuto una serie ( 2 o 3 extra piuttosto forti e un pò di tachicardia anche perchè mi sono molto spaventata).Vorrei chiedere se si può considerare che mi siano venute in seguito ad uno sforzo...se camminare a passo sostenuto può essere considerato uno sforzo....
Io ho una vita molto sedentaria e di solito quando ho queste extra sono in assoluto riposo, faccio le scale ma le salgo adagio e comunque non si sono mai verificate.
Se chi mi legge non fosse al corrente , ho fatto in un anno e mezzo 9 ECG e un Holter un anno fa dove non risultavano extra di alcun tipo e nemmeno dagli ECG o visite dal cardiologo perchè quando sono monitorata non le sento più nemmeno io. Il cardiologo mi dice che reputa siano benigne e dovute all ansia. Non ho mai fatto test da sforzo anche perchè ne ho paura...sono ipersedentaria e mi mette ansia il solo pensiero. Credo ne uscirebbe un disastro e comunque non mi è stato prescritto. Volevo aggiungere che spesso ho un dolore alla prima costa fluttuante sotto il seno sx che si irradia alla schiena in zona scapolare, le ho anche alle coste a dx..cominciano a sx e poi si irradiano ( il medico curante lo attribuisce alla postura e alla cervicale) è un problema posturale...spero?
Grazie anticipatamente.

Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il test da sforzo si impone ad una donna della sua età che lamenta tali sintomi. Specie se lei avesse familiarità per infarti od ictus.
Ovviamente devo darmper scontato che lei non sia fumatrice
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera dottor Cecchini, non ho familiarità con ictus o infarti per fortuna e non fumo.La ringrazio...in tanti consulti non mi aveva MAI detto che dovessi fare test da sforzo ma che erano solo banali extrasistoli.
Forse non si ricorda di me, ci siamo scritti tante volte. Mi diceva che era solo ansia.
Confesso che ora sono in forte allarme e tra poco ho il dentista e poco fa ho avuto un extrasistole mentre ero tranquilla al pc....
Mi scusi come mai ha cambiato parere per quanto concerne i miei sintomi per i quali mi diceva di non fare più esami ma solo di fare cure psichiatriche che sto facendo ?

Sono un pò destabilizzata. La ringrazio, nell attesa

cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non ho cambiato io il parere, e' le che non cambia parere, nel senso che continua a porre la stessa domanda. Se lei continua lamentare aritmie, pur essendo convinto che esse siano banali extrasistoli, e' opportuno che lei esegua un ECG sotto sforzo. Tutto qui
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org