Utente 220XXX
Salve, ho chiesto questo consulto perchè sono oramai 5 mesi in cui ogni qualvolta sto in piedi ho vertigini di tipo soggettivo. Non le avverto invece quando sono seduto o quando sono disteso nè ho nausea, nè mal di testa nè perdita di equlibrio, ho semplicemente la sensazione che mi manchi la base su cui stia camminando. Aumentano dopo aver mangiato, in posti molto alti, in situazioni stressanti, in luoghi chiusi e affollati o con la musica ad altissimo volume o al buio o durante i forti sbalzi di temperatura caldo-freddo. Aumentando le vertigini aumenta la mia sensazione di instabilità, mi sento confuso e stanco. Tutto questo mi provoca panico, tachicardia, sudorazione delle mani, rigidità muscolare, senso di immediato svenimento. ho effettuato diversi controlli tra cui analisi del sangue, esami oculistici, rx in toto, risonanza magnetica cervello, visita da due otorini (con tutte le prove audiovestibolari), esami tiroidei, due volte l'elettrocardiogramma, due volte l'ecocardiogramma, ecodopler alle carotidi, esami psichiatrici e neurologici. Tutti gli esami sono usciti positivi tranne che il neurologo mi ha parlato di pseudovertigini e di attacchi di panico. Informandomi su internet ho letto qualcosa riguardo il Tilt test. Se ho ben capito però la diagnosi dello stesso può essere sostituita effettuando un holter dinamico per 24h e un holter pressorio per 24h. Oppure ho capito male?? Grazie anticipatamente. Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No, non è per niente la stessa cosa. Quindi esegua quel test. In realtà i disturbi che lei riferisce appaiono compatibili con un disturbi da attacchi di panico.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta. Posso chiederle qual'è la differenza? Cioè stando in una Regione dove non ci sono apparecchiature da tilt test come si verifica la sincope? Anche se di vera sincope non si tratta? C'è un metodo alternativo per la diagnosi? Il mio medico di fiducia ha escluso una sincope ortostatica o una sincope cardiaca. La prima perchè dice che si verifica nella maggior parte dei casi negli anziani, è di breve durata e avviene solo quando il soggetto passa dalla posizione sdraiata in piedi. Nella seconda, se ho capito bene, c'è una vera e propria perdita di coscienza per scompensi cardiocircolatori che potevano essere verificati anche attraverso gli esami che ho effettuato io.
Grazie anticipatamente. Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Cio' che le e' stato detto, o che lei ha compreso, non corrisponde a verita'. La sincope vaso-vagale accade spesso anche nei giovani e la seconda puo' essere studiata con un Holter cardiaco .
Per esegurie un tilt test, inoltre, non e' necessario avere apparecchiature particolari.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Grazie di nuovo per la risposta. Come le ho anticipato nel messaggio precedente soffro anche di attacchi di panico e vorrei trovare un metodo alternativo per diagnosticare questa pre-sincope anche perchè adesso mi trovo per lavoro in una Regione dove non c'è l'apparecchio head up tilt test.
Cosa mi consiglia?
Grazie anticipatamente. Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Anche a me pare che lei soffra di attacchi di panico. Mi pare anche che lei non legga con attenzione le mie risposte: le ho dettoche non occorre un macchinario particolare per eseguire un tilt test.
Puo' essere esguito in qualsiasi ambulatorio cardiologico, pubblico o privato
arrivederci
cecchini
[#6] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Salve,
in questa settimana ho effettuato l'holter dinamico 24h e per 8 giorni ho registrato con l'event recorder una decina di "crisi". Nel primo ho notato che nella fase del sonno i battiti sono scesi a 48 bpm. Per il medico non c'è nulla di sintomatico. Io, invece, mai avrei pensato che i battiti fossero così bassi nella fase rem. Si può parlare di bradicardia? Nell' event recorder non c'è nulla se non un leggero aumento dei battiti cardiaci. Anche in questo caso il cardiologo ha escluso qualsiasi forma patologica.
Adesso stò pensando tra me e me se effettuare questo tilt test che, a dirla tutta, mi spaventa notevolmente.
Grazie anticipatamente
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
il suo è un esame holter normale. si tranquillizzi
cecchini