Utente 288XXX
Salve,come scritto nella mia storia clinica,sono tetraplegico da 24 anni; sapendo di essere a rischio di flebiti,trombosi etc. per via dei miei arti inf. paralizzati e che vedo gonfi,ho fatto il seguente controllo ematico (indico anche il risultato):
Omocisteina..........12,2........2-20 mm.
Tempo protom.........81..........80-100
INR..................1,13........1,0-1,15
Tempo trombop........32..........fino a 40
Fibrinogeno..........272.........190-400
Antitrombina III.....16..........18-31

La mia preoccupazione è sull'antitrombina risultata bassa.
Da cosa dipende? E' un rischio? Cosa posso fare per alzare il valore?
p.s. Purtroppo non ho valori pregressi x fare un confronto.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Renato Casana
24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Caro Utente,l'antitrombina III è una proteina prodotta dal fegato la cui funzione è quella di inibire alcuni fattori di coagulazione (ruolo anticoagulante). Livelli più bassi, possono essere associati ad un effetto protrombotico. Deficit “acquisiti” dei livelli di antitrombina si osservano nei pazienti con trombosi acuta, CID, malattie epatiche o sindrome nefrosica e durante la terapia eparinica, terapia estrogenica (compresa l'uso di contraccettivi). Esistono anche forme “congenite” di deficit di antitrombina III. Il deficit eterozigote di antitrombina plasmatica è trasmesso in modo autosomico dominante con una prevalenza di circa 0,2-0,4%; circa metà di queste persone sperimentano episodi trombotici venosi. Il valore normale è: 80 – 120 % oppure 210 – 330 mg/l. Il suo è un valore pressoché nella norma. Consiglieri comunque di sottoporsi con il suo dossier clinico ad una valutazione internistico-ematologica dopo aver eseguito un completo “screening trombofilico” Questo è l’elenco degli esami: emocromo completo, VES, Proteina C reattiva, Fibrinogeno, Ab anti-cardiolipina (IgG,IgM), Ab anti-beta2 GPI (IgG, IgM); LA (Lupus anticoagulant), Antitrombina III, Mutazione del fattore V di Leiden, Mutazione della protrombina, Mutazione dell’MTHFR (metiltetraidrofolato redattasi), Omocisteinemia basale, AP /APTT, alfa-fetoproteina – CEA, vitamina B12 ed folati . Per saperne di più può consultare Il sito web www.renatocasana.it . alla voce (Le Trombofilie: la malattia e lo screening) Cordiali saluti R. Casana www.arcamedica.net
[#2] dopo  
Dr. Mario Forzanini
24% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2002
il valore dell'antitrombina non è pericoloso di per sè. In ogni caso va ricontrollato e lo screenign trombofilico completato con gli esami riferiti dal collega casana, prima di poter calcolare un corretto rischio trombotico, già elevato per la tetraplegia.A
seguito del rischio correttamente valutato andrà poi presa in considerazione una eventuale profilassi farmacologica della trombosi.
[#3] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2007
Il medico di base mi ha prescritto altri esami,ecco i risultati:
FATTORE V COAGULATIVO.............64 70-140
FATTORE II COAGULATIVO............83 70-133
MUTAZIONE OMOC. MTHFR 7677........eterozigote
EMOCROMO..........................tutto ok
TP................................93,5 75-120
I.N.R.............................1,04
aPTT..............................25,3 20-35
FIBRINOGENO.......................298 146-470
ANTITROMBINA 3....................79 80-120
PROTEINA S COAG...................55,3 55-115
PROTEINA C COAG...................100,3 70-140
fattore V LEIDEN..................1,03 0,86-1,10
OMOCISTEINA.......................6,3 0-15

Cosa mi consigliate? Sono sufficienti questi esaami x stare tranquil-lo?
Grazie