Utente 854XXX
Gentili medici,
in seguito ad una improvvisa reazione allergica dovuta presumibilmente all'assunzione di arachidi,sono finita al P.S. per edema ed orticaria su viso ed arti.Sono stata ovviamente curata con cortisone ed antistaminico e il mio medico di base,passati un paio di mesi,mi ha fatto fare un RAST per alimenti ed inalanti.Ho appena ritirato il referto e, in attesa di poter parlare con il medico,vorrei sentire un vostro senza dubbio qualificato parere.I risultati sono questi:(tutti i risultati sono in kUa/L e il range di riferimento è tra N e <0,10)
Albume:0,12
Arachide:1,41
Semi di soia:0,17
Latte:0,97
Pomodoro:0,13
Grano:<0,10
Tuorlo:<0,10
Caseina:0,14
Formaggio a pasta molle:0,12
Dermatoph. farinae:0,10
Erba Canina:<0,10
Coda di topo:<0,10
Ambrosia trifida:0,32
Artemisia vulgaris:0,16
Parietaria officinalis:<0,10
Betulla verrucosa:<0,10
Corylius avellana:<0,10
Alternaria tenuis:<0,10
Le IgE sono ad un livello di 122 Ul/mL quando dovrebbero essere sotto i 100 secondo il laboratorio.
Ora,alla luce di questi risultati,cosa dovrei fare?Andare da un allergologo per approfondire le mie allergie?Limitarmi a non mangiare le arachidi?I valori che escono fuori range sono significativamente alti da dire che quei cibi mi provocano allergia e che forse sarebbe meglio evitarli per non finire di nuovo al P.S.?O ignoro i risultati perchè indicano solo delle intolleranze?
In attesa di una vostra gentile risposta vi ringrazio per la ovstra attenzione e vi mando i miei più distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi La Rosa
20% attività
0% attualità
0% socialità
BORGOMANERO (NO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Gent.ma sig,ra, come scritto chiaramente anche da miei Colleghi in altre risposte , solo una valutazione allergologica completa permette di fare una diagnosi. In particolare, l'attenta raccolta dei dati clinico-anamnestici del paziente, l'esecuzione dei test allergologici (tra cui anche il RAST) e per quanto riguarda le allergie alimentari, in casi selezionati, anche eventuali test di scatenamento con l'alimento sospettato .
Per questo motivo le deboli positività riscontrate vanno valutate nel contesto clinico allergologico generale. Aggiungo che qualsiasi test allergologico può risultare positivo, ma se non è correlabile a manifestazioni cliniche non assume rilevanza diagnostica.
L'unico dato di laboratorio tra quelli elencati meritevole di attenzione e quindi di esclusione dietetica è sicuramente quello relativo alla positività per le arachidi soprattutto perchè associato in anamnesi ad una manifestazione clinica (orticaria-angioedema) dopo ingestione.

Cordialità