Utente 232XXX
Ho 47 anni. Peso 70 Kg. Sono stato operato a seguito della seguente diagnosi: EMPIEMA DELLA COLECISTI CALCOLOTICA, ADERENZE PERITONEALE, ESOFAGITE DA REFLUSSO DI 1° GRADO, ERNIA IATALE, GASTRITE ANTRALE". L'intervento è stato eseguito con la tecnica della videolaparocolecistectomia. A distanza di 14 giorni vengo nuovamente sottoposto ad intervento chirurgico a seguito di un' "EMATOMA SOTTOEPATICO IN PAZ. ", al fine di provvedere all'evacuazione dell'ematoma con conseguente spostamento, alquanto doloroso, nei giorni successivi all'intervento,del drenaggio. Sono stato dimesso dopo 8 giorni. Alla luce di quanto detto chiedo quali accorgimenti o/e controlli dovrei fare al fine di ritenere il problema superato?
Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Drenato l'ematoma ed a distanza di 8 giorni il problema si può considerare risolto.
Sicuramente la dimssione sarà stata preceduta da un controllo ecografico ed accompanata a consigli dietetici comuni a quelli dispensati a tutti i pazienti sottoposti a colicistectomia.

[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Cifarelli
24% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Signore ,Lei non specifica bene se anche il 2° intervento ,sia stato effettuato in laparoscopia .
In questo caso , come credo,in accordo con il dott. D'Oriano, ritengo che gli unici accorgimenti sono esclusivamente dietetici ed un controllo ecografico e clinico a distanza di 15gg .
Distinti saluti.