Utente 886XXX
gentile dottore, mia suocera, 71 anni, è stata ricoverata nel 2005 per "ulcera piede-caviglia e ferita della gamba complicata da eresipela gangrenosa e fascite; pochi mesi dopo ricoverata per " ulcera fagedemica del dorso del piede e sottoposta a trapianto cutaneo". dopo lunghe e inutili terapie, ricoverata nel 2011 per "eresipela recidivante alle gambe. ulcere da stasi perimalleolari e piedi bilateralmente, presenza di calli, verruche e eczema da stasi terzo medio - terzo inferiore delle gambe. tossidermia da farmaci (era in terapia con benzilpenicillina bezatna 1.200.00 UI im ogni mese. veniva medicata 2-3 volte a settimana però con discreta granulazione delle ulcere nonostante la persistente ipersecrezione per contaminanti batterici; a seguito di miglioramento si prospettò un possibile impianto di epidermide, rinviato dopo ricovero per la scarsa presenza di tessuto di granulazione dei letti ulcerosi. l'esame colturale ha rinvenuto nel ceppo 1 Enterobacter cloacae e nel ceppo 2 Staphylococcus aureus. a domicilio le viene data la seguente cura:Ciproxin 500 mg e Rifadin 600 mg.
alla luce di tutto ciò stiamo cercando qualche nuova soluzione che possa risolvere tutto questo.
grazie per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
temo che con tutta la buona volontà difficilmente potrà aspettarsi da questo servizio valutazioni e consigli che possano superare quelli di chi ha avuto modo di seguire de visu questo caso, che risulta per altro molto complesso e di non semplice soluzione.

Mi permetto solo di segnalare due possibilità, se non già vagliate.
- consulto di un Reumatologo al fine di escludere la presenza di affezioni sistemiche che condizionino l'andamento delle manifestazioni cutanee
- terapia iperbarica
[#2] dopo  
Utente 886XXX

Iscritto dal 2005
la ringrazio per la consulenza, ci ha comunque prospettato due strade che non avevamo tentato. ho solo un dubbio sulla terapia iperbarica che non conosco e mi chiedevo se si tratti di una terapia adatta ad una persona ultrasettantenne e con un fisico piuttosto gracile.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Qualora se ne confermasse l'indicazione, il trattamento viene eseguito presso strutture dedicate sotto controllo specialistico.