Utente 234XXX
SALVE.
sono una ragazza di 21 anni.
pochi mesi fa al mio ragazzo è stata diagnosticata un'uveite (vitreite) di cui ancora non sappiamo la causa sappiamo solo che non è toxoplasmosi. Da ql momento sono entrata un po' in paranoia non ho mai fatto il test per l'hiv ma mi sono infarcita la testa di idee navigando su internet. Ho riflettuto sul mio stato di salute: ho da alcuni mesi una leggera bronchite nulla di troppo fastidioso solo qlche colpo di tosse ma nn sono una fumatrice e anche se mi ero curata poi è ritornata. Ho una leggera difficoltà respiratoria (può essere lo stress? l'ernia iatale?)ho poi delle macchie scure sul corpo in particolare intorno alle ginocchia sul seno e una piccola sulla mano. queste macchie assomigliano a lividi o voglie e le ho da agosto. nessuna lesione ma ogni tanto mi danno una sensazione tipo un pizzico. é possibile che sia morbo di Kaposi? in qnto all'hiv il rapporto a rischio che mi crea tutta qst'ansia è risalente a circa 3 anni fa... è possibile che io abbia già sviluppato Aids? quando penso di andare dal medico ho attacchi di panico se potesse aiutarmi e spiegarmi cosa altro potrebbe essere se nn qllo magari sarei più disposta a farmi visitare. grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

è impossibile darle una risposta riguardo al sarcoma di Kaposi senza vedere direttamente quelle macchie; posso solo dirle che se si tratta solo di macchie e sono piane e non rilevate, probabilmente non si tratta di lesioni di tipo sarcomatoso.

Ad ogni buon conto, se ha avuto un rapporto sessuale a rischio 3 anni fa, la cosa più logica da fare è sottoporsi al test HIV.
So che fare il test la mette nel panico, ma non ha altra alternativa; perciò, prenda il coraggio a due mani e si rivolga ad un centro ospedaliero di malattie infettive, dove il test viene fatto gratuitamente e in forma anonima.

E' opportuno che anche il suo partner, se non lo ha già fatto, si sottoponga al test HIV.

Ci tenga al corrente, se lo desidera.

Per maggiori info:
AIDS: come misurare il rischio
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=29
AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=38
La vera storia dell'AIDS
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=17


Buona serata
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
grazie... già sapere che probabilmente non è kaposi mi fa stare meglio. domani andrò dal medico generico... sono indecisa su cosa da dire, su che punti insistere, che analisi richiedere, da dove cominciare
[#3] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
purtroppo non sono ancora stata dal medico per vari problemi. Diciamo che le mie ansie hanno giornate più intense e meno intense perchè penso alla fine dei conti che se anche avessi l'hiv avrei ottime probabilità di vivere più che degnamente. però come lei saprà bene io non sono l'unica a pormi tutti questi problemi su questo virus e sui suoi sviluppi. la sezione malattie infettive è piena praticamente solo di domande di persone che hanno paura di essere state contagiate.I problemi gravi che l'aids comporta sono l'imbarazzo la vergogna e i sensi di colpa. Eppure se il virus è preso per tempo non c'è nulla di spaventoso nell'hiv, eppure non c'è nulla di cui vergognarsi perchè si è semplicemente persone malate come tutti gli altri malati del mondo, eppure non sono solo prostitute e drogati a convivere con certi problemi, anche tante brave persone ne soffrono perchè capita, perchè è giusto proteggerci ma nn sempre lo facciamo (come il fumo). C'è qualcosa di sbagliato nelle campagne di prevenzione? Si può fare qualcosa di più per prevenire queste malattie? ovviamente lei non è uno psicoterapeuta ma tanto per parlare: non sarebbe meglio scrivere sui cartelloni che bisogna proteggersi ma che nel caso ci andasse male qualcuno si occuperà di noi e vivremo bene lo stesso? più terrore si crea intorno a questa questione più lei si ritroverà con domande del tipo "ma è possibile prendere l'aids attraverso la puntura di un insetto?". C'è qualcosa che possiamo fare per evitare tutta questa ignoranza che genera terrore e persone che hanno paura di sottoporsi a visite mediche? la ringrazio per l'attenzione.
cordiali saluti
AN
[#4] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Non ho capito quale sia la sua domanda.
Qui in medicitalia facciamo da tempo educazione sanitaria
e proprio sull'AIDS non ci stanchiamo mai di raccomandare il profilattico

la puntura di un insetto non è modalità idonea al contagio; legga il mio articolo
http://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/434-zanzara-trasmette-virus-aids.html

Buona serata