Utente 109XXX
Scrivo per conto di mia madre, la quale mi ha chiesto di chiedervi un consulto.
Ha 53 anni, già operata alla safena della gamba sinistra nel 2005 e di nuovo nel 2007 per le recidive. Causa trauma meccanico (una botta), dal mese di dicembre soffre di una linfoangite curata con Danzen 5 mg (medicinale prescritto), ma senza miglioramenti. La parte interessata della gamba appare ancora molto arrossata, dolorante e gonfia durante il giorno. Cosa può fare? Vi ringrazio in anticipo a suo nome.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Sarebbe necessario avere piu' elementi sul come si sia giunti a questa diagnosi (febbre ? Esamt che abbiano escluso una Trombosi Venosa Profonda, ecocolordoppler, ecc.) e su eventuali affezioni concomitanti (diabete, ecc.), nonche' sulle terapie gia' eseguite (antibiotici?).
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio della risposta dottore, le faccio sapere appena sento mia madre.
[#3] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Allora la diagnosi è stata effettuata dopo visita angiologica e doppler, che ha escluso una sospetta tromboflebite; non è presente patologia diabetica e non sono stati somministrati antibiotici, ma tutto questo è avvenuto ormai due mesi fa, senza ulteriore controllo. In questi mesi la situazione non è migliorata, nonostante l'invito telefonico dello specialista a proseguire con il Danzen.
[#4] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
E' purtroppo impossibile a distanza farsi una idea della certezza della diagnosi di linfangite.
Una linfangite esordisce generalmente con un episodio acuto febbrile e rossore di una porzione dell'arto: recede solo mediante somministrazione di antibiotici; ha una elevata tendenza alla recidiva.
Nel dubbio potrebbe essere utile il contributo di un Dermatologo.
La terapia in corso, sempre con i limiti della distanza e non conoscendo con certezza lo stato della paziente, mi sembra piuttosto limitata.