Utente 242XXX
Salve,

premetto che nella mia vita intima non ho mai sofferto di eiaculazione precoce, anzi, i miei rapporti hanno sempre avuto una durata medio-lunga. Con tutte le compagne con cui sono stato, che lo facessi col preservativo o meno, non ho mai avuto alcun problema di velocità del rapporto, inteso a partire dalla fase di penetrazione.
E' da circa un mese che frequento una nuova ragazza e, pur non sembrandomi di avere alcun problema a livello psicologico (sono tranquillo quando lo facciamo), dall'atto della penetrazione fino all'eiaculazione passa poco tempo, non pochissimo, ma sicuramente molto inferiore ai miei standard, tanto da pormi dei problemi nel relazionarmi con lei dopo. Lei non dice nulla, tuttavia non credo sia soddisfatta dei nostri rapporti ed ovviamente non lo sono nemmeno io.
Credendo che non si tratti di un problema psicologico (fino a 2 mesi fa non ne ero affetto in alcun modo), vi chiedo se può essere dovuto alla sua conformazione anatomica o ad altro e, eventualmente, come rimediare.
Concludo dicendo che sono affetto da una leggera fimosi (con frenulo corto) che però fino ad ora non mi ha impedito di vivere nel modo più sereno e piacevole possibile i miei rapporti.

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

l'eiaculazione precox si può curare con buone probabilità di riuscita, è importante una diagnosi corretta per identificarne le cause. Il consiglio è di avvicinarsi allo specialista e di parlarne come ha fatto con noi.

Un cordiale saluto