Utente 150XXX
Gentili dottori
Ho 26 anni ed è da qualche giorno che riscontro dei problemi nel battito cardiaco (già avuti): suppongo si tratti di bradicardia. I fastidi si verificano quando sono a riposo ad esempio sul divano o anche nei primi secondi quando mi alzo, o quando fumo una sigaretta (5/8 al giorno ma che sto riducendo proprio x questo) spesso seguiti da piccoli giramenti di testa e mal di pancia.
Sono uno sportivo, ho giocato a calcio fino lo scorso anno e comunque mi tengo in allenamento (tranne in questi 2 mesi che sono stato “fermo” fra influenza e freddo), ho sempre avuto i battiti al minuto sotto i 60 (pressione lievemente bassa 65/75-110/120). Però alcune volte dell’anno (3-4 volte) ho questi periodi di “crisi” dove il cuore sembra battere molto lentamente e con il doppio della potenza e a volte anche fuori ritmo. La cosa più fastidiosa è che quando vado a dormire non riesco ad addormentarmi proprio perché sento il cuore che batte lentamente ma allo stesso con un impulso così forte che me lo sento quasi in gola, sento proprio che pulsa nel letto e mi fa quasi avere dei mancamenti come se non mi venga il fiato, naturalmente mi “agito” e non riesco a rilassarmi quindi è da 3 notti che resto sveglio finche non mi addormento per forza.
Nella visita medica sportiva ho fatto ogni anno l’ECG e non mi hanno mai riscontrato niente tranne una volta un soffio di cuore.
Devo preoccuparmi? E come posso risolvere questi problemi in questi periodi?
Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le conviene fare due cose:
- programmare un Holter cardiaco delle 24 ore per un migliore studio del suo ritmi cardiaco
- smettere oggi stesso di fumare: ridurra' cosi' il rischio di ictus, infarto e cancro
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore
i sintomi in questi giorni non sono completamente spariti (ma cambiati).
Il battito è meno intenso e più regolare, mentre ho parecchi episodi di extrasistoli, che sono rari durante il giorno (4-5) mentre compaiono immancabilmente quando sto per addormentarmi. Sostanzialmente mi corico sul letto ogni sera, leggo come sempre per circa 15 min e va tutto bene, quando chiudo la luce per dormire e sto prendendo sonno iniziano subito i battiti extrasistolici con altissimi frequenza che rendo difficile l'addormentarmi
E' normale che compaiano in quel preciso momento? e perchè? Non ho idea di quali possano essere le cause ed inizio un pò anche a preoccuparmi
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Deve programmare un HOLTER cardiaco per una più accurata definizione dei suoi disturbi di ritmo
Al di la di questo non posso esserle più utile.
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore,
guardando un po’ di casi simili ai miei in internet ho probabilmente capito a cosa sono dovute le extrasistoli. Da 2 settimane a questa parte soffro di forte mal di pancia localizzato prima nella zona intestinale ora in quella dello stomaco, il dolore si è acutizzato proprio in questi giorni, con continui reflussi gastrici…
Solitamente evito di prendere medicinali, ma stanotte ho preso un Gaviscon, e ho notato che, dopo poco, le continue extrasistoli erano quasi scomparse e sono riuscito a prendere sonno
Non sapevo di questa relazione gastrite-extrasistoli, forse anche la posizione in cui dormo (pancia in giù) contribuisce all’acutizzarsi delle artimie
In ogni caso domani vado dal medico di famiglia, anche perché il mal di pancia sta diventando insopportabile
Naturalmente ho momentaneamente eliminato sigarette e alcol (di cui comunque non facevo assolutamente abuso) e ho eliminato i cibi "acidi"
[#5] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore,
una curiosità sulle aritmie: ho sentito dire che ci sono persone (es. fachiri) in grado di controllare il battito del cuore con la respirazione e che quest'ultima influisce moltissimo sulla frequenza cardiaca.
Io so che per una serie di motivi quali gastrite, stress, leggera tensione al livello del diaframma non respiro bene. Le aritmie mi vengono quasi sempre nella solita posizione da seduto un pò piegato in avanti o quando sono disteso nel letto e sto per addormentarmi. E' vero che migliorando la respirazione è possibile migliorare l'attività cardiaca ed eviatare anche aritmie? Quali esercizi/terapie fare? Ad esempio Yoga?
Saluti
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
esegua un holter cardiaco come consigliato
arrivederci
cecchini