Utente 202XXX
Salve dottori sono paziente con strascichi di prostatite arrivato ormai ai rimedi diciamo naturali con buoni risultati rispetto a quando facevo antibiotici e farmaci antinfiammatori.
Per aumentare le difese immunitarie Sto usando puntualmente propolberry con risultati davvero ottimi e licoser ormai al bisogno quando ho dolori al perineo. Come consiglio di un urologo che mi detto di eliminare eventuale presenza di flora batterica nemicaho usato coliman d-mannosio 2 cpr là sera dopo aver urinato, ma non vedo miglioramoenti, quindi dopo attente cure e osservazioni sulla mia situazione sto capendo che la mia prostatite è portata avanti dalla candidosi a causa anche dalla presenza da anni di otturazioni di mercurio nei denti che pian piano sto rimuovendoi. Infatti quando mangio abbondante aglio o assumo olio di malaleuca sto meglio. Là mia domanda è, siccome il desiderio sessuale è praticamente sotto i piedi e quando ho Rapporti con mia moglie l'eiaculazione non si fa tanto attendere, mi dà un consiglio su come aumentare il desiderio e soprattutto su come ritardare l'eiaculazione magari con qualche prodotto spray e soprattutto naturale? Grazie anticipate

So che a distanza non si consigliano farmaci, ma vedo ormai che molti dottori sono orientati per la prostata più sul naturale per cui penso che consigliare qualche prodotto ritardante naturale non mi possa far male. Grazie ancora

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

il calo del esiderio sessuale può dipendere da una situazione stressogena che va comunque verificata attraverso un esame dei dosaggi ormonali (LH, E2; PRL, TESTOSTERONE TOT.).

L'eiaculazione precoce, visto il suo precedente quadro clinico, può dipendere dalla prostatite che ahimè, è difficile se non impossibile curare con prodotti naturali.

Comunque sia, in entrambi i casi è consigliabile avvicinarsi allo specialista che dopo aver valutato, le indicherà gli esami e le terapie più opportune.

Un cordiale saluto