Utente 181XXX
Salve, mia madre ha un impianto cvc da più di un anno, regolarmente ogni 15 giorni fa un ciclo di chemioterapia associato alla terapia biologica,e torna a casa con la bottiglietta di terapia . Stasera tornata a casa dopo aver fatto la terapia in ospedale, si è ritrovata il tubicino staccato della bottiglietta di terapia e quindi fuoriuscita di sangue dal tubicino collegato all'ago.Un infermiere amico di famiglia ci ha consigliato di iniettare della fisiologica e riattaccare la valvola con la bottiglietta. Vista la mia preoccupazione vorrei sapere se è stata la giusta manovra da fare. In attesa di una vostra celere risposta... vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

il suggerimento che è stato dato sembrerebbe corretto. Andrebbe tuttavia verificata la quantità di medicinale eventualmente disperso e quindi non somministrato.
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la celere risposta!!! Mi sorgeva un ulteriore dubbio il sangue fuoriuscito dal cateterino quindi misto alla chemio (credo) può causare danni alla pelle? abbiamo pulito e disinfettato la parte con garza e fisiologica!
[#3] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, solitamente no, se la cute è integra e la quantità di farmaco è minima.
Cordiali saluti.