Utente 237XXX
Buongiorno a tutti, sono una ragazza di 21 anni perseguitata dalla sindrome da attacchi di panico, faccio uso di cipralex e Xanax da ottobre 2011 in dose davvero minima ( 10 gocce del primo la mattina e 7 del secondo prima di dormire). Frequento anche una psicologa che mi sta aiutando davvero tanto. Il problema è che, all'insorgere di qualche sintomo che collego all'infarto, sto sempre male!!!da qualche giorno ho un dolore intenso al braccio sinistro che mi prende l'incavo con il petto, di irradia fin sopra in seno sinistro e mi prende tutto il braccio compresa la mano!!!a me sembra più un dolore dovuto alla presenza di acido lattico, ma non riesco a ricollegarlo a nessun tipo di sforzo eseguito!!!mi fa male quando lo sforzo e il dolore aumenta alla pressione!!la mia domanda è, questo dolore è riconducibile ad un ipotetico attacco cardiaco che possa essere infarto o angina???che differenza c'è tra il dolore al braccio che si avverte in caso di attacco cardiaco!!! Ci ringrazio anticipatamente!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dolore che lei riferisce non e' dovuto all'acido lattico ne' tantomeno al suo cuore: le caratteristiche del dolore che lei riferisce sono da attribuire a cause muscoloscheletriche (si modifica sia con il movimento che con la digitopressione).
Si tranquillizzi pertanto
cecchini
www.cecchinicuore.org