Utente 182XXX
Buongiorno, sono in una situazione che mi preoccupa. Un paio di anni fa mi sono accorta che la gengiva dei due premolari inferiori (simmetrici) si era ritirata di circa 3 millimetri scoprendo il colletto e in parte la radice e dopo il fastidio iniziale la situazione si è stabilizzata, anche con uno spazzolamento più attento e delicato. Ultimamente ho visto che le gengive dell'arcata inferiore si sono leggermente abbassate all'interno (di poco) e poi anche su due degli incisivi inferiori. la differenza è minima ma il cambiamento c'è: normalmente le mie gengive sono molto sottili verso la fine e aderiscono perfettamente al dente, mentre sotto quei due incisivi sono leggermente sporgenti all'attaccatura, come se si fossero un po' scollate, anche se non sono arrossate. Avevo chiesto anche al mio dentista 3 settimane fa e ho fatto l'ablazione del tartaro, credevo che si sarebbero rimesse a posto entro pochi giorni, però questa condizione persiste in questi due denti. Sto attualmente utilizzando il dentifricio Meridol per gengive e collutorio Curasept con clorexidina allo 0.12%. Le mie gengive sono sempre state molto festonate e i denti già di per sé "lunghi", e bastano davvero pochissimi millimetri perchè si scopra la radice.. vorrei evitare.. comunque in linea di massima sono rosa chiaro, non gonfie (anzi molto sottili) e soprattutto non sanguinano praticamente mai. Posso fare qualcosa per queste gengive prima che si ritraggano? c'è possibilità che questa gengiva "ri-aderisca" in questi due incisivi come le altre invece di scendere? Il mio dentista non ha parlato di parodontite, se ne sarebbe accorto penso.. Aiuto, tengo moltissimo ai miei denti. Grazie in anticipo e buona domenica.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
penso che lei possafare ben poco oltre all'attenzione che già dedica, giustamente, ai suoi tessuti
sembra lei abbia una costituzione sottile ( così viene definita la festonatura gengivale come da lei descritta ) molto fragile
questi tessuti vanno tenuti sotto osservazione dal parodontologo ed eventualmente trattati chirurgicamente se necessario
si affidi ad un collega esperto che saprà valutare il da farsi e consigliarla al meglio
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Lei il suo compito domiciliare già lo sta svolgendo (tecnica di spazzolamento adeguata). Deve continuare sempre così e farsi controllare periodicamente (ogni 4 mesi) dal suo odontiatra. Deve evitare assolutamente di far infiammare o traumatizzare le sue gengive che avendo una struttura sottile possono andare molto più facilmente incontro a retrazione.
Saluti