Utente 256XXX
Buongiorno, sono un uomo di 50 anni ,dal 2006 soffro di una forma di prurito sine materia diffuso su tutto il corpo (eccetto la schiena) e i suoi sintomi hanno durata ed intensità crescente con il trascorrere del tempo.Fin dai primi tempi assumo una compressa di antistaminico (telfast 180) ogni 1-2 e in rari casi 3 g. durante i quali i sintomi sono più omeno assenti.In questi anni ho eseguito due volte il prick test,(2006-2008).Nel primo test i risultati sono stati tutti negativi, mentre nel secondo il test ha evidenziato una reazione positiva ai dermatofagoidi(d.pteronyssinus,d.farinae).Secondo voi è sufficiente questo a spiegare i miei sintomi?
Avete indicazioni o consigli da darmi?

Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
il prurito non rappresenta un sintomo automaticamente indicativo di allergia, soprattutto se è classificato "sine materia".
Se dovesse mai presentare eruzioni cutanee che possano indurre a modificare tale diagnosi, deve mostrarle all'allergologo (o al dermatologo) che la sta seguendo.

La valutazione del prurito (sine materia) comprende comunque esami di laboratorio per escludere cause organiche note.
Infatti il prurito “sine materia” può dipendere da problemi del metabolismo, della tiroide oppure da alterazioni che interessano il sangue, il rene, il fegato.

Saluti