Utente 258XXX
Gentile dottore, dopo diversi episodi di coliche biliari, tutti avuti nell'arco di due mesi, attraverso ecografia si riscontrava una colecisti a pareti ispessite, dismorfica contenente sabbia e detriti litiasici.
Dopo poche settimane, durante l'ennesima colica, subivo un ittero ostruttivo a causa di un calcolo incuneato che riuscivo a risolvere solo con una sfinterotomia durante ercp.
A distanza di settimane, senza più coliche, ripetevo un'ecografia che evidenziava una colecisti dismorfica a pareti ispessite che, forse per merito della sfinterotomia, si era ripulita dai detriti e conteneva solo un microcalcolo di 3 mm.
Risolta la situazione su indicazione del mio Chirurgo ed anche impaurito dalla possibilità di eventuali altre coliche e complicanze eseguivo una colecistectomia per via laparoscopica.
Da allora continuo a chiedermi se ho fatto la cosa giusta e se questa asportazione fosse proprio imprescindibile anche alla luce dell'ultima ecografia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

ha fatto una cosa correttissima ed in linea con le attuali indicazioni/ linee guida sulla calcolosi colecisti- coledocica. Prima la sfinterotomia e successivamente l'asportazione della colecisti. Tenere una colecisti non più funzionante non aveva senso ed oltretutto avrebbe corso il rischio di ripetute colecistiti.

Ottima scelta.


Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 258XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore grazie infinite per la solerte risposta mi sento più sollevato e sereno.
[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
E' stato un piacere per esserle stato di aiuto.

Auguroni