Utente 244XXX
Salve, mi sono da poco sottoposto ad un intervento di separazione della sindattilia ad una mano, in anestesia plessica e poi generale (in quanto è stato necessario prelevare un po' di tessuto dal fianco).
Ora, a distanza di 3 gg dall'intervento, provo ancora un dolore insopportabile che neppure con le somministrazioni di ibuprofene 1000mg si è alleviato per nulla.
Inoltre ho notato che nè nel pre, né nel post operatorio non mi è stata somministrata alcuna terapia antibiotica e sono un po' preoccupato per questo fatto, e per la possibile insorgenza di infezioni... potete darmi delucidazioni in merito? in questo tipo di chirurgia forse non è necessaria la terapia antibiotica?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la terapia antibiotica e' opzionale e dipende molto dalle condizioni locali e generali del paziente, ma soprattutto dalle preferenze del chirurgo.

Anche io faccio la profilassi antibiotica solo di rado e quando strettamente necessario.

Del resto, se non c'e' tumefazione locale e rialzo della temperatura corporea, difficilmente si tratta di una infezione post-operatoria.

Uno spiccato dolore locale, soprattutto se accompagnato da alterazioni della sensibilita' di uno e entambe le dita adiacenti, potrebbe essere meglio spiegabile con una sofferenza di un nervo collaterale digitale.

Ritengo necessaria una valutazione diretta da parte del suo chirurgo.

Buona domenica.
[#2] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille per la risposta. Fra 4 giorni ho il controllo, ma nel frattempo lei ha alleviato il mio panico! Buona domenica anche a lei.