Utente 262XXX
Salve,non so se è la sezione appropriata ma lo posto comunque: ho una curiosità, in merito alla volontà del governo di chiudere i piccoli ospedali, poi ritirata. Tra le motivazioni, oltre al risparmio si diceva che i piccoli ospedali sono pericolosi. Io abito in una zona montana e ho sempre cercato di sfruttare il mio piccolo ospedale (mi sono anche operata) quando la specialità era presente, senza mai avere problemi, nè ho sentito parlare di grosse difficoltà verificatesi. C'è comunque un fondo di verità o è solo questione di spesa?E noi cittadini come dobbiamo comportarci?Cercare di difendere l'ospedale sotto casa per poi andare a curarsi altrove o affidarci ai medici più vicini senza preoccupazioni?Grazie e mi scuso se sono fuori tema

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
non sono un politico, sono solo un tecnico.

ogni realtà, ospedale ambulatorio, reparto ha le sue peculiarità in funzione del personale che ci lavora.

le strutture sono fatte anche dalle persone, non solo medici, personale delle professioni sanitarie, amministrativi, amministratori etc etc.

in questo ambito è chiaro che la spesa sanitaria che è un costo che non rende un attivo in termini di denaro ma solo più o meno soddisfazione da parte dell'utente è di difficile gestione.

mi sembra che lei abbia fiducia della struttura, montana, di suo riferimento. perché non utilizzarla solo perché avrebbero dovuta chiuderla?

come lei ha affermato in un piccolo ospedale non potrà esserci di tutto "...il mio piccolo ospedale (mi sono anche operata) quando la specialità era presente..." ma se c'è quello che le interessa e soprattutto c'è fiducia, perché andare lontano?

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
grazie della risposta esauriente, cordiali saluti