Utente 113XXX
Salve, volevo chiedervi un consiglio.
Avevo appuntamento dal dentista prima dell'estate ma per un suo motivo personale è stato costretto ad anticipare le ferie, e non tornerà prima di metà settembre.
Da un paio di settimane ho notato la formazione di tartaro (credo) con sfumature dal bianco sporco al giallino alla base dei denti, quasi esclusivamente nell'arcata inferiore.
E' un problema che ho spesso (ereditario, nella mia famiglia lo abbiamo quasi tutti), per fortuna in questo periodo (a differenza del solito) le gengive non sono gonfie e non sanguinano (cosa che mi accade quando il tartaro è a "stadi" più evoluti).
Ovviamente ciò che devo fare è una visita dal dentista con pulizia dei denti, che risolve per almeno un annetto il problema.
Nel frattempo, per questo mesetto, potete darmi dei consigli per almeno far sì che il problema non si estenda?
Chiedo a voi perchè sento parlare di striscette fai-da-te, bicarbonati, acque ossigenate e limoni, ma non mi fido, ho paura che rendano i denti più sensibili e più facili a macchiarsi...

mi date un'esempio corretto (compreso spazzolino/spazzolino elettrico/prodotti/posologia/somministrazione) di igiene orale, magari "aggressiva", per far sì che la situazione se non migliori comunque non peggiori in attesa del ritorno del mio dentista???

grazie mille!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
purtroppo la rimozione del tartaro può avvenire solo professionalmente e più che consigliarle la routinaria pulizia con spazzolino ( manuale o elettrico a seconda delle sue abitudini ) ogni volta che mangia e filo interdentale altro non possiamo fare
consigliabile sarebbe un'igiene anticipata senza attendere settembre
cordiali saluti