Utente 623XXX
salve!, ho 35anni e soffro da anni di esofagite da reflusso, diagnosticata nel tempo da varie gastroscopie che davano un referto talora di esofagite di primo grado, talora di secondo (leggasi escoriazioni in zona cardiale),cardias beante, piccola ernia jatale saltuaria.in passato mi curavo con cicli di ranidil, motilium e gaviscon cp al bisogno e la sintomatologia miglorava decisamente. purtroppo negli ultimi 2 anni la mia sintomatologia è peggiorata e quindi sono passato all'omeprazolo e poi all'esameprazolo(lucen 40mg), e al gaviscon advance.
tengo a precisare che sono in terapia con lucen 40 da 19 mesi continuativi senza mancare una pillola, ma i miei sintomi non sono migliorati,anzi......quello che avverto da più di un anno e che prima nn mi accadeva sono rigurgiti e reflussi salire fino in gola, dandomi fastidio x nn dire dolore alle orecchie,una sensibilità pazzesca al palato che sento come liscio(ritirato)e un edema dell'ugola notevole, nonchè un senso di tensione e dolore al collo.nel corso dell'ultima gastrocopia,22.06.05,l'endoscopista evidenziava un edema e flogosi diffusa del terzo inferiore dell'esogago con presenza di minute erosoni non confluenti, ma salendo si accorgerva di una notevole laringite.Secondo il gastroenterologo tale laringite non è dovuta al reflusso (io sostengo il contrario considerando i sintomi che avverto) in quanto non è correlabile una infiammazione così forte in alto e una"lieve" del cardias. forse il dottore non ha tenuto conto che sono sotto terapia da molto tempo e che i reflussi che io sento battere in gola e "dentro le orevcchie" sono rapidi, tali da non distruggere il cardias ma da offendere una parte del corpo non propriamrnte deputata a vivere a contatto coll'acido( comunque il dottore nn sono io, sono solo un povero paziente a cui avolte riesce difficile s piegare "certi sintomi".devo precisare che in passato ho eseguito una ph-metria esofagea che ha evidenziato la presenza di reflussi sopratutto in posizione supina (ne hanno contati circa 100), ma stranamente lo specialista mi disse che non era una brutta ph-metria eche quindi appunto le cause del dolore in gola e alle orecchie va cercato altrove. vado dall'otorino 28.05.06 che vede con il laringoscopio tale laringite e si accorge anche di una otite con infiammazione del martello: terapia con cefalosporine!forse , se il dolre non passa e l'otite nn si risolve mi farà passare al cortisone! riassumendo io mi sento male , mi sto curando e non risolvo...non so più cosa fare, a chi rivolgermi, che esami fare,sto pensando ad un eventuale operazione antireflusso ma quasi tutti la sconsigliano. cmq da voi vorrei sapere se una eventuale operazione antireflusso risolverebbe questo mio reflusso faringo-laringeo. grazie anticipatamente e scusatemi x la lettera-romanzo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Se l ph metria 24 ore non e' patologica e la manometria esofagea risulta nei limiti, e' versimile che la causa dei suoi disturbi non sia il reflusso, a maggior ragione se la terapia con esomeprazolo a dosi piene non risolve il problema.Credo quindi che la causa vada piu' probabilmente cercata altrove. Auguri!
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mangiarotti
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
La sintomatologia che descrive è fortemente indicativa di reflussi gastro esofagei. E' noto che le manifestazioni extradigestive (come l'otite e la faringite) si associano a reflussi prevalentemente "alti" che possono essere evidenziati (e non sempre) solo da una pHmetria con due sensori posti lungo l'esofago. Occorre quindi sapere come è stato effettuato l'esame suddetto. La manometria può dare indicazioni sulla pressione presente a livello del carias e quindi va valutato in dettaglio anche tale esame. Le consiglio quindi di sottoporsi ad attenta valutazione gastroenterologica e, in caso di fallimento di un trattamento medico con farmaci a dosaggi più alti di quelli da lei usati, potrà essere presa in considerazione uan scelta chirurgica.
Cordiali saluti