Utente 272XXX
Buonasera,

ecco la mia richiesta. Ad agosto ho avuto la febbre per poco meno di due giorni. Il giorno successivo ho misurato la temperatura corporea un certo numero di volte per accertarmi che fosse tornata nella norma; è stato allora che i miei familiari si sono allarmati perchè hanno ritenuto che la mia temperatura fosse molto variabile e con picchi verso il basso. Mi sono pertanto recata dal mio medico di base il quale mi ha consigliato di annotare su un grafico la temperatura (misurata 3 volte al giorno al risveglio, alle 16:00 e alle 20:00) in funzione dell'ora per una settimana. In realtà non l'ho mai fatto poichè non l'ho ritenuto di grande importanza; di tanto in tanto ho misurato la temperatura al risveglio la quale si attesta mediamente sui 35,2°C. Venerdì scorso però è risultata pari a 34,9°C allora mi sono chiesta se effettivamente non fosse troppo bassa e ho deciso di redarre finalmente il grafico di cui sopra. I valori di oggi sono: 35,2°C, 34,8°C, 36,0°C. Si tratta del normale andamento giornaliero della temperatura?
Preciso che ho la tiroidite di Hashimoto curata con Eutirox 37,5 microgr dal lunedì al venerdì e 50 microgr il sabato e la domenica. Il mio TSH circa un mese fa misurava 3,099.

Grazie e cordiali saluti!
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
La temperatura corporea che sarebbe auspicabile misurare è la temperatura rettale, in quanto le estremità (ascelle, inguine, etc.) possono subire variazioni termiche per svariati motivi.

Andrebbe presa sempre alla stessa ora.
E’ più bassa il mattino, tra le 4 e 6, e più alta la sera, tra 16 e le 20.

Il distiroidismo può essere causa di alterazioni termiche, come anche altre cause: stress, anemie, etc.

Ne parli con il curante.

Cordialmente