Utente 255XXX
Gentili Dottori,
Scrivo a nome del mio ragazzo di anni 30.
Ha effettuato una visita dermatologica per il controllo dei nei.
Il dermatologo in questione ha notato un neo acquisito (comparso da meno di un anno) molto scuro praticamente quasi nero ma omogeneo con i bordi e la forma regolari e con un diametro di 6 millimetri (qualche tempo fa era più piccolo).
Dopo averlo controllato ha detto che deve essere tolto e a seguito verrà effettuato l'esame istologico.
Il dermatologo dice che secondo lui non è maligno ma che comunque la certezza matematica la da l'esame istologico.
L'operazione avverrà il 3 dicembre.
Siamo molto in ansia.
Dalla descrizione secondo voi potrebbe essere qualcosa di grave come un melanoma?
Attendendo gentile riscontro,
porgo
Distinti Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
mi sembra sia una prassi regolare: visto che l'elemento pareva sospetto è stato sollecitato a rimuoverlo. Certo che potrebbe essere un melanoma, il dermatologo lo ha fatto togliere per quello: ma fortunatamente la maggior parte dei nevi "atipici" che asportiamo sono nevi e basta. L'istologico ci serve a chiarire meglio quello che gli occhi non comprendono pienamente.
Non si deve assolutamente spaventare: fa parte come le dicevo della abitudine del dermatologo analizzare istologicamente le lesioni.
Se lo desidera ci informi sull'esito dell'istologico ma, sino a quel momento, il consiglio è quello di affrontare la cosa con maggior serenità.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore,
La ringrazio molto della sua risposta e chiarezza.
Volevo solo, se può, qualche informazione.
Dalla descrizione crede sia qualcosa di grave? se fosse così non avrebbe dovuto esserci la procedura d'urgenza? quando dice che potrebbe essere un melanoma intende dire che se non viene tolto potrebbe trasformarsi? se era un melanoma il dermatologo avrebbe riconosciuto e non avrebbe aspettato fino a dicembre a dare l'operazione giusto?
Ringraziandola nuovamente,
le porgo
i più cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
non posso esprimere alcun tipo di giudizio senza vedere l'elemento. Certamente se lo specialista avesse già avuto la certezza clinica di melanoma avrebbe innescato una procedura più veloce. Evidentemente non era così: ne ha avuto solo un sospetto e vuole, tramite l'istologico, fugare ogni dubbio.
Per quanto riguarda la trasformazione dei nevi: è cosa rara (meno del 20% dei melanomi nasce su nevo) e comunque non c'è un nevo più a rischio di un altro o da togliere "per prevenzione" (linee guida USA). Un nevo si toglie se si ha il sospetto di melanoma già in atto (anche solo il sospetto) o per estetica. Chi si occupa in modo intensivo di melanoma sa che i nevi con il melanoma c'entrano davvero poco.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottor Brunelli,
La ringrazio davvero molto per le sue spiegazioni e per il tempo che mi dedica.
Il neo in questione si trova sul palmo del piede ed è stato definito dal dermatologo come "neo ipercromatico" che tipo di neo è?
Dice che secondo lui non è un neo maligno, da cosa si capisce quando un neo è benigno ma va asportato da un neo maligno?
6 millimetri secondo lei è molto grande come dimensione per un neo acquisito?
Mi scuso per le molte domande che le pongo solo che davvero sono spaventata e il mio pensiero è sempre lì.
Attendendo suo gentile riscontro,
porgo
Distinti Saluti
[#5] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Cara signorina,
1) nevo ipercromicromatico significa solamente che è molto pigmentato, non vuol dire assolutamente nulla. E' una descrizione che molto probabilmente viene utilizzata per giustificare l'exeresi. Il nevo si trova a livello plantare (il palmo è solo delle mani) ed in tale sede la diagnosi è sempre difficile per le particolarità anatomiche dell'epidermide.
2) La diagnosi differenziale tra nevo e melanoma solitamente è facile ma può talora presentare degli ostacoli. Ad esempio se la lesione è appunto molto pigmentata lo specialista con il dermatoscopio non riesce a vedere le strutture che compongono l'elemento ed allora - giustamente - preferisce fare l'exeresi e l'analisi istologica.
3) Le dimensioni al di sopra dei 4 mm hanno significato relativo. E' più importante la struttura istologica.

Mi spiace che il suo pensiero sia costantemente rivolto a questa cosa, d'altra parte rimuovere chirurgicamente o comunque biopsiare i tessuti è sempre una pratica da consigliare qualora si abbiano dubbi clinici.

Cordialissimi saluti
[#6] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottor Brunelli,
Le scrivo per comunicarle che il nevo è stato asportato e l'esame istologico fortunatamente è risultato negativo "nevo composto acrale".
Volevo ringraziarle per le sue spiegazioni e sostegno.
Grazie davvero.
Cordili Saluti.
[#7] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Data la sua età avevo pochi dubbi al riguardo: sono contento sia andato tutto bene.
Cordiali saluti