Utente 273XXX
Da anni ho un problema agli alluci del piede. Prima mi crescevano a scalino come se un'unghia nuova crescesse sotto. poi quella di sopra mi si staccava e rimaneva quella buona sotto molto corta. e dopo un po ricominciava lo stesso problema. ho fatto un esame e non risultano funghi. Il dermatologo mi ha detto che è trauma da scarpe ma non mi ha dato nessuna cura. è molto spessa e la limo per evitare di avere un unghia veramente troppo spessa. tra l'altro adesso metà dell'unghia non si attacca più alla pelle ed è proprio sollevata. è attaccata soltanto la metà vicino alla matrice. Cosa posso fare per mettere fine a questo problema? non so proprio come fare. Qual'è la soluzione migliore?
[#1] dopo  
Dr.ssa Floria Bertolini
24% attività
16% attualità
12% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2001
Gentile Utente,
visto che l'esame colturale esclude una onicomicosi, in assenza dell'obiettività clinica, è probabile l'ipotesi prospettatagli dalla dermatologa da Lei consultata.
Che attività sportiva svolge, quale hobbiy o che tipo di calzatura utilizza? forse conoscendo la risposta a queste domande si potrà suggerire la soluzione al suo problema.
Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Non svolgo nessun tipo di attività fisica. A parte balli di gruppo e aerobica ma da poco tempo. Le scarpe che uso sono abbastanza laghe; da piccola però avevo un paio di scarpe molto strette e sono probabilmente la causa. Come potrei neutralizzare questo problema? l'unghia si sfoglia man mano che crescono strati e non si attacca piu alla pelle. Come potrei risanare l'unghia senza dover asportare con l'intervento l'unghia?
[#3] dopo  
Dr.ssa Floria Bertolini
24% attività
16% attualità
12% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2001
Gentile Signora,
sulla sola scorta delle notizie fornite, senza una visita, è difficile dire se è una patologia reversibile ed esprimersi sulle eventuali terapie da effettuare, oltre a consigliare l'eliminazione della causa traumatica se questa ne è la causa.

Inoltre, sarebbe da contestualizzare la patologia ungueale con una valutazione complessiva, che tenga in considerazione le possibili co-morbilità che si esprimono a volte anche con distofia ungueale.
Cordiali saluti,