Utente 279XXX
Salve volevo esporre il caso di mio marito, da premettere che ha 25 anni e sono un anno che cerchiamo di avere un bambino.Nel primo spermiogramma che ha fatto risultava avesse 23 mil di spermatozoi per ml con un volume di 3.5 e una motilita del 16 % dopo 1 h morfologia 50 % tipici. Dopo un mese di cura con genadis abbiamo ripetuto l'esame volume 2.8 n spermatozoi x ml 26 mil motilita dopo 1 h 22 % a e b morfologia uguale. Dopo 2 mesi avevamo la prima iui a luglio e ci siamo ritovati con 2 mil di spermatozoi per ml e motilita dopo fluidificazione al 30% ma nn e andata bene. A settembre abbiamo ripetuto nuovamente l'esame ed il numero era positivo 11 mil x ml e motilità al 30%. Il 22/11/2012 abbiamo riprtuto di nuovo gli esami per vedere se erano migliorati è qui ce stata la sorpresa, inferiore a 1 mil x ml e 100% immobili, il 27/11/2012 abbiamo ripetuto di nuovo l'esame conviti di un errore e invece di nuovo lo stesso quadro in piu lo stesso giorno ha fatto dosaggi ormonali LH, Testosterone nella norma, FSH 10.5 con riferimento valori 1 - 8. inoltre gli è stato riscontrato un varicocele di grado lieve. Io vorrei capire come mai c'è stato questo crollo improvviso, da cosa è dovuto, se c'è una cura, quante sono le probabilità di riuscire ad avere un figlio. Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
lo spermiogramma è soggetto a fluttuazioni importanti, che possono essere la causa della infertilità, specie queste fluttuazioni avvengono quando FSH basale è ai limiti superiori della media, o addirittura come nel suo caso, addirittura fuori range. FSH elevato controindica terapie mediche (a meno di un rapporto testosterone estradiolo inferiore a 10) o chirurgiuche, che comunque avrebbero poco effetto. In questi casi una terapia con antiossidanti potrebbe migliorare i risultati della fecondazione assistita. Questo è un parere di massima, dfato per linee generali, senza conoscere nel dettaglio la situazione. Senta che dice il collega.