Utente 220XXX
Buona sera,
grazie per il prezioso servizio che svolgete.
Sono un uomo sano di 25 anni.
Ho però dei problemi legati alla sessualità, nel senso che:
1) o proprio non ho l'erezione (pur avendo un grande desisderio sessuale)
2) o ho l'erezione ma il rapporto dura poco (QUESTO è il caso più frequente, e il rapporto dura pochi minuti)
So che la componente psicologica è determinante, difatti io sono un tipo ansioso. Tant'è che, quando imbocco la serata giusta, nel secondo rapporto sessuale, in seguito al primo, duro un po' di più, e tant'è, SOPRATTUTTO, che questi problemi li ho SOLO nei rapporti sessuali completi (vaginali), mentre non ho MAI alcun tipo di problema nel sesso orale o nella stimolazione manuale. Quindi penso sia evidente che la psiche è il fulcro del problema, anche perchè a 25 anni un problema organico (senza alcun sintomo) non penso ci sia.
Domanda da un milione di dollari: ho parlato col mio medico di base, il quale mi ha detto che secondo lui è sicuramente una questione di "testa", che a 25 anni NON vanno assolutamente assunti farmaci come VIAGRA, CIALIS, LEVITRA, ecc. (e infatti io non ho intenzione di utilizzarli), ma mi ha anche detto di provare ad utilizzare (per stare un po' più tranquillo, per darmi un aiutino in tal senso) un integratore alimentare che si chiama EZEREX (testuale del medico di base: "male non ti fa"), e queste sono le componenti dell'integratore:

per bustina (6,4g)



Proteine

assenti



Carboidrati

1,5g



di cui Polioli

assenti



di cui Zuccheri

assenti



Grassi

assenti



Propionil- L-Carnitina Cloridrato

250mg



pari a L-Carnitina

160mg



L-Arginina

2,500mg



Vitamina B3 (Acido Nicotinico)

20mg.



Valore energetico

6 Kcal (25,4 KJ)

La domanda è: questo integratore fa male o potrebbe crearmi dipendenza se poi vedo che le cose migliorano? E se mi creasse "dipendenza", nel senso di assunzione ciclica con le dovute sospensioni (che ne so, 2 mesi SI e un mese NO, per poi ricominciare a prenderlo sempre in questi termini temporali appena esposti), tale dipendenza mi farebbe male al fisico? Il medico di base mi ha detto di prendere 1 bustina per circa 2 mesi (non di più) e se le cose migliorano, sospenderlo per poi ricominciarlo come sopra esposto. Lo so che è un integratore alimentare e quindi non è pericoloso come altri farmaci, che mi sto facendo troppi problemi, ecc. però è sempre qualcosa che mettiamo nel nostro organismo, quindi vorrei sapere se faccio bene a prenderlo o no. Io sarei intenzionato a prenderlo, perchè in fondo è un integratore alimentare.
GRAZIE DI CUORE,
Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

se effettivamente i suoi problemi sono di tipo psicologico la cosa migliore è affrontarli seriamente attraverso sedute psicosessuologiche che la potranno far uscire da questa spirale. Si consulti con persone competenti e per ora lasci perdere gli integratori.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per aver risposto.
Il punto è che non mi va di andare dallo psicologo, a 25 anni, per questa cosa. Lei pensa possa aiutarmi? Cosa gli dico? Secondo lei ezerex non potrebbe aiutarmi, come dire, inconsciamente? Lo reputa un integratore forte? (Le ho fornito per questo la composizione).
GRAZIE DAVVERO
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
non lo reputo adatto a curare un problema di Disfunzione erettile, mentre è certamente importante un consulto psicosessuologico, affronti l'incontro con serenità e si liberi dei suoi dubbi parlandone apertamente.

Ancora cordialità
[#4] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Utente,
condividendo i suggerimenti forniti dal dott. Maretti, la invito a leggere il seguente articolo per ulteriori spunti di riflessione:

http://www.medicitalia.it/paola.scalco/news/2433/Ho-un-disturbo-sessuale-ma-mi-vergogno-a-parlarne

Consideri inoltre che, appurato che il problema sia davvero di natura psicologica (ha effettuato una visita andrologica?), sarebbe più facilmente e più velocemente risolvibile ora che ha 25 anni, che dopo averlo trascurato magari per anni.

Cordialmente,